rotate-mobile
Cronaca Calatafimi / Via Gaetano la Loggia

Riattivati gli ambulatori per le cure palliative, l'Asp: "Un reale supporto ai malati e alle famiglie"

Si trovano nei locali adiacenti l’hospice di via La Loggia 5. Per accedere è necessaria la richiesta del medico di base. Il direttore generale Daniela Faraoni: "Facciamo ripartire in tempi brevi tutti i servizi che erano stati sospesi a causa della pandemia"

L’Asp ha riattivato gli ambulatori di cure palliative. Il servizio, così come in passato, si trova nei locali adiacenti l’hospice e la centrale operativa delle cure palliative, al primo piano dell’edificio 10 di via La Loggia 5. Agli ambulatori di cure palliative, attivi ogni lunedì e venerdì dalle 9 alle 13 possono accedere le persone autosufficienti con patologie in fase avanzata e progressiva e bisogni di cure palliative, muniti di richiesta del medico di medicina generale. Le prenotazioni possono essere effettuate telefonando al numero 091 703 4596 oppure tramite il Cup aziendale.

"L’obiettivo – ha spiegato il direttore generale dell’Asp, Daniela Faraoni - è di riattivare in tempi brevi tutti i servizi che erano stati sospesi a causa della pandemia. La riapertura degli ambulatori per le cure palliative contribuisce a dare un reale supporto  ai malati inguaribili e alle loro famiglie consentendo di vivere con dignità un difficile e complicato percorso di vita”.

La notizia della riattivazione del servizio ambulatoriale arriva proprio nella giornata nazionale per le cure palliative, riallacciandosi alla leggenda di San Martino, rappresentato spesso in arte nel gesto spontaneamente generoso di dividere il suo mantello con qualcuno che ne ha bisogno. "Le cure palliative – ha sottolineato Grazia Di Silvestre, responsabile dell'Unità cure oalliative dell’Asp - tutelano la qualità della vita della persona con malattia inguaribile e della sua famiglia coniugando terapie finalizzate al controllo dei sintomi con il necessario supporto psicologico e relazionale. Non sono rivolte solo ai malati oncologici ma anche ai pazienti con patologie croniche degenerative in fase avanzata, né solo alle persone malate negli ultimi giorni di vita ma come cure palliative precoci e simultanee anche durante il percorso di cure attive”.

Nell'ambito della rete locale di cure palliative dell’Asp, sono garantite le cure palliative domiciliari, le cure palliative ambulatoriali e le cure palliative residenziali nell’hospice dell’Asp, del Civico e nell’hospice della casa di cura La Maddalena. "Il nostro hospice – ha detto il direttore sanitario de La Maddalena, Luca Bianciardi -  svolge attività di cure palliative residenziali da due anni, durante i quali abbiamo accolto circa 350 pazienti oncologici terminali e pazienti con patologie croniche degenerative in fase avanzata. Abbiamo avuto l’opportunità di sostenere i pazienti e le loro famiglie garantendo le cure, tutelando la dignità e rispondendo ai bisogni sanitari, psicologici e sociali in un momento di così elevata difficoltà".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riattivati gli ambulatori per le cure palliative, l'Asp: "Un reale supporto ai malati e alle famiglie"

PalermoToday è in caricamento