Asp Trapani, trasferimenti negati a medici palermitani: è polemica

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

“Il diritto a un’assistenza efficiente e ben organizzata è prioritario rispetto a altre questioni che attengono le, pur legittime, esigenze personali”. Così Marco Corrao e Antonino Passaventi, segretari territoriali di Cisl Fp Palermo Trapani e di Cisl Medici Palermo Trapani, commentano la querelle fra il manager dell’Asp di Trapani, Fabrizio De Nicola e alcuni medici sui dinieghi alle aspettative. “Comprendiamo la necessità di questi medici di tornare a Palermo – continuano Corrao e Passaventi – ma mettiamo al primo posto la garanzia dei Lea e della qualità assistenziale per i cittadini trapanesi, che potrebbe avere contraccolpi negativi dal venire meno di questo personale”. La Cisl Fp Palermo Trapani e la Cisl Medici Palermo Trapani auspicano che l’assessore regionale alla Salute, Baldo Gucciardi, intervenga per velocizzare le procedure, autorizzando in prima battuta la mobilità regionale. “Questo – concludono Corrao e Passaventi – darebbe un’ importante boccata di ossigeno alla sanità siciliana”.

“Credo che la salvaguardia dei LEA, i livelli essenziali d’assistenza, e della salute dei cittadini della provincia di Trapani meriti la stessa considerazione di quelli palermitani - ha detto il direttore generale dell’Azienda sanitaria provinciale di Trapani Fabrizio De Nicola, replicando a un comunicato di un sindacato dei medici, il CIMO Sicilia -. Abbiamo ben 27 medici con contratti a tempo indeterminato, che sono in aspettativa per incarichi in aziende sanitarie a Palermo, e non potendo sostituirli siamo a rischio collasso, e solo per lo spirito di sacrificio di tutto il personale sanitario della nostra azienda questo non è ancora successo. Ricordo infatti che non  possiamo assumere personale medico per le discipline dell’area di emergenza dal 2012 e per le altre discipline dal 2007”.

Torna su
PalermoToday è in caricamento