Torna "Asp in piazza", si parte da Borgo Nuovo: via alla prima "Notte bianca della salute"

Il 19 febbraio inizia la campagna di prevenzione 2015. Obiettivo è la promozione della cultura della cautela in tema di salute. Prevista apertura dei centri screening di sabato e una festa sul mare del presidio Enrico Albanese. I dettagli presentati nei locali di via Cusmano

Promuovere la cultura della prevenzione e della "salute in allegria", con una particolare attenzione nei confronti di un tema verso il quale c'è - soprattutto nell'Isola - un vero e proprio timore, e potenziare l'adesione della popolazione agli esami oncologici. E' l'obiettivo dell'Asp che ha presentato oggi, presso i locali di via Giacomo Cusmano, la campagna di prevenzione 2015. (GUARDA IL CALENDARIO COMPLETO)

Torna, infatti, anche quest'anno la carovana itinerante di "Asp in piazza", il vero e proprio "villaggio della salute" promosso dall'Azienda sanitaria, in cui i cittadini avranno la possibilità di effettuare gratuitamente visite specialistiche ed esami diagnostici, ma anche di chiedere l’esenzione ticket per reddito (agli over 65) o cambiare il medico di famiglia. 

Screening oncologici, visite specialistiche e microchippatura dei cani. Una campagna di prevenzione forte perché farà 2500 km in 4 mesi e consterà di dieci gazebo e quattro camper, di cui uno nuovissimo dotato di un mammografo di ultima generazione. Si parte il 19 febbraio da Borgo Nuovo, per fare tappa ad Altavilla Milicia, a piazza Kalsa e in diversi quartieri e comuni di Provincia. Un modo per far capire che la Sanità non può conoscere periferie. L'ultima tappa sarà il 4 giugno a Carini. "Va eliminata - spiega Giuseppe Noto, direttore sanitario Asp - la tendenza a fare gli scongiuri. I tumori sono prevedibili e curabili, la diagnosi precoce salva la vita, salva il singolo, salva le famiglie".

Vera novità sarà l'Open Day della prevenzione con l'apertura dei centri screening nel primo e nell'ultimo sabato di febbraio, marzo, aprile e maggio. All'attività istituzionale sugli esami dei tumori della mammella, della cervice uterina e del colon retto, si affiancherà, a conclusione degli eventi, una vera festa con musica, danza e attività di prevenzione. E' in programma per l'11 giugno, nei viali che si affacciano sul mare del Presidio Enrico Albanese, la "Notte bianca della salute". "In un clima sereno, a due passi dal mare, spiega il direttore amministrativo, Antonio Guzzardi, organizzeremo una manifestazione per far capire che la prevenzione è un dono da coltivare con il sorriso sulle labbra". "Gli artisti siciliani - spiega il direttore generale dell'Asp, Antonino Candela - hanno molto caro questo tema e scenderanno in piazza gratuitamente". 

A proposito dei costi dell'iniziativa, Noto e Candela tengono a precisare che saranno riduttivi e faranno riferimento solo al prezzo degli automezzi e dei trasporti. "In ogni caso - dice Noto - la salute non è un costo, ma una risorsa". Sono 22.348 le prestazioni sanitarie effettuate lo scorso anno nelle 18 tappe di Asp in piazza, con 1441 esami mammografici. "Questi - sottolinea Candela - hanno permesso di diagnosticare preventivamente nove casi di tumore alla mammella ancora a sintomatici". "Ma già soltanto un caso - conclude Noto - basta per tutto". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mea culpa di Candela sull'assenza di cultura della prevenzione nell'Isola. "Ci assumiamo noi la responsabilità di tale mancanza - commenta - La colpa è nostra ma stiamo facendo tutto il possibile per migliorarla. Ciò che chiedo ai cittadini è maggiore fiducia nei confronti del servizio sanitario regionale". A proposito, infine, della riorganizzazione ospedaliera, Noto conclude: "Stiamo lavorando per una maggiore accoglienza. Grazie a questo piano ci auguriamo che arrivi nuovo personale. C'è grande sofferenza dei servizi, perché da anni non possiamo fare nuove assunzioni. Ciò che serve sono i giovani". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trabia, matrimonio da incubo: sposa investita dalle fiamme durante il flambè di benvenuto

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Coronavirus, 61 i nuovi casi in Sicilia: a Palermo un'altra vittima e un neonato contagiato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento