rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca

Asili nido, Palermo la città d'Italia con i costi più bassi: si spendono meno di 3 euro all'ora

A dirlo è l’inchiesta di Altroconsumo che ha interessato 350 strutture private di 8 grandi città. Milano la più cara. Il costo medio di una retta è di 620 euro al mese

A Palermo si spendono 2,09 euro all’ora per una frequenza di 10 ore e 2,75 euro all’ora per 5 ore al nido privato. Si tratta dei costi più bassi d'Italia. A dirlo è un’inchiesta di Altroconsumo che ha coinvolto 350 strutture private di 8 città italiane (Bologna, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma e Torino). Il capoluogo meneghino la città più cara della Penisola. Una famiglia del posto, infatti per la fascia di frequenza più ampia spende 3,84 euro all’ora, ovvero il 22% in più rispetto alla media delle altre città incluse nell’indagine. Bologna segue a ruota (21% in più). 

Per mandare un bambino in un nido privato, per il numero massimo di ore (10), oggi in media possono volerci fino a 620 euro al mese (inclusi pasti, pannolini e spese di iscrizione), ovvero oltre un quinto del reddito medio di una famiglia. Un prezzo salato, per un servizio così essenziale. Inoltre, l’Istat ha fotografato le carenze dei servizi per la prima infanzia: i posti disponibili nei nidi sono ancora al di sotto dell’obiettivo fissato dal Consiglio europeo di Barcellona nel 2002, ovvero un posto per almeno il 33% dei bambini entro il 2010. È necessario quindi un cambio di rotta con un ampliamento dei nidi e costi delle rette maggiormente sostenibili.

Altroconsumo ha, inoltre, indagato sulle aperture e chiusure durante i mesi estivi, tema di particolare interesse per i genitori che lavorano anche in quest periodo. È stato, quindi, verificato quanto esteso sia il periodo di chiusura dei vari nidi e se siano previste attività alternative o centri estivi. Dall’inchiesta emerge che luglio è coperto dalla quasi totalità delle strutture (94%). Ad agosto invece sono ben 7 nidi su 10 quelli che chiudono. Tra le città esaminate risulta che Firenze ha il maggior numero di nidi chiusi sia in luglio (20%), sia in agosto (95%). Bologna invece è la città con più strutture aperte sempre o per qualche settimana durante il mese di agosto (50% dei nidi per tutto il mese o in parte), seguita da Milano e Napoli (45% delle strutture aperte).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asili nido, Palermo la città d'Italia con i costi più bassi: si spendono meno di 3 euro all'ora

PalermoToday è in caricamento