Asili, ludoteche e manutenzione: dalla Regione fondi anche per Prizzi e Caccamo

Ammontano a poco meno di 8 milioni le risorse stanziate nell’ambito del fondo Po Fesr 2014-2020. Il governatore Musumeci: "Promuovere momenti di aggregazione fondamentali per formazione giovani"

Nello Musumeci, presidente della Regione Siciliana

Quasi otto milioni di euro a favore di diciannove comuni siciliani, tra cui Prizzi e Caccamo, per realizzare nuove infrastrutture o recuperare quelle esistenti destinate ad asili nido, centri ludici e diurni per minori, servizi integrativi di prima infanzia, ludoteche e comunità socio educative. Li ha finanziati la Regione Siciliana, che tramite l'assessorato della Famiglia ha pubblicato la graduatoria provvisoria delle istanze ammesse in base al bando pubblicato nello scorso mese di febbraio.

Gli interventi proposti vanno dall'efficientamento energetico alla ristrutturazione e rifunzionalizzazione degli edifici, dalla manutenzione straordinaria alla riqualificazione degli immobili, dall'adeguamento igienico-sanitario all'abbattimento delle barriere architettoniche. A usufruire di queste risorse, nel Palermitano, i comuni di Prizzi e Caccamo che dovranno dividersi i 7,8 milioni del fondo Po Fesr 2014/2020 con Racalmuto, Santa Margherita di Belìce, Siculiana, Villafranca Sicula, Aci Catena, Bronte, Caltagirone, Mazzarone, Militello, Barcellona Pozzo di Gotto, Gioiosa Marea, Nizza di Sicilia, Pace del Mela, Sant'Angelo di Brolo, Santa Teresa di Riva e Monterosso Almo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Creare o ammodernare nuovi spazi per la socializzazione destinati ai minori - evidenzia il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci - è un dovere per chi amministra la cosa pubblica. In un periodo nel quale ormai purtroppo le giovani generazioni parlano e interagiscono sempre meno e lo fanno, in massima parte, solo attraverso l'utilizzo delle nuove tecnologie, promuovere momenti di aggregazione diventa fondamentale nella loro formazione, a cominciare proprio dall'infanzia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente all'Acquapark, giovane batte la testa: ricoverato in gravi condizioni

  • Vendono frutta e verdura con il reddito di cittadinanza in tasca, nei guai 2 fratelli

  • Figlia morta dopo il Gratta e vinci perdente: chiesta condanna a 6 anni per la mamma infermiera

  • "Facciamo sesso a tre o divulghiamo il tuo video hard": condannata coppia che minaccia fidanzata figlio

  • Tuffo all'Acquapark di Monreale, 26enne sarà sottoposto a intervento chirurgico

  • Rientra verso il b&b ma si perde e chiede indicazioni, turista picchiato e rapinato

Torna su
PalermoToday è in caricamento