Sferracavallo, stuprata mentre aspetta il treno per l'aeroporto: fermato diciannovenne

A incastrarlo la videosorveglianza. La polizia ha individuato un giovane del Gambia che agli inizi di agosto avrebbe violentato una donna sola alla stazione. Indagini in corso su un secondo episodio di violenza andato in fumo solo grazie alla reazione della vittima, una turista straniera

L'ingresso della stazione metro di Sferracavallo

Avrebbe stuprato una donna alla stazione metro di Sferracavallo e poco dopo ci avrebbe provato anche con una turista. La polizia ha fermato un diciannovenne senza fissa dimora del Gambia, Alpha Yallow (foto allegata), e lo hanno indagato per il reato di violenza sessuale. A inchiodare il giovane - con precedenti per danneggiamento, molestie e atti osceni in luogo pubblico - il racconto delle due vittime e le immagini del sistema di videosorveglianza acquisite sulla scena del crimine.

A chiedere la convalida del fermo e l’applicazione della misura cautelare poi disposta dal gip Cristina Lo Bue è stato il sostituto procuratore Giorgia Spiri dopo le indagini condotte dalla collega Ilaria de Somma e dal procuratore aggiunto Annamaria Picozzi. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori il primo caso, quello consumato, risale ai primi di agosto. "Approfittando di un momento in cui la vittima era rimasta sola in attesa del treno per l’aeroporto - spiega la Questura - il giovane è entrato in azione, aggredendola e violentandola".

Dopo essersi riuscita a liberare la donna è salita sulla prima carrozza ed è arrivata in aeroporto dove ha denunciato al posto di polizia di frontiera aerea quanto le era appena accaduto. Poi la visita da parte del personale medico presente al Falcone-Borsellino per verificare le sue condizioni di salute. Gli agenti della quarta sezione della Squadra Mobile hanno subito avviato le indagini e le ricerche del gambiano. In questa fase "gli agenti hanno appreso una ulteriore aggressione ai danni di una turista straniera, episodio sfociato in un tentativo di violenza sessuale".

Gli investigatori sono così riusciti a rintracciare il giovane che, nonostante i numerosi alias, è stato identificato per Alpha Yallow. "Il suo volto - prosegue la nota - stato comparato con esito positivo con un frame estrapolato dalle immagini di videosorveglianza in occasione della violenza sessuale consumata". Secondo la polizia non ci sarebbero dubbi sul fatto che lui sia l’autore di entrambi gli episodi. Le indagini però proseguiranno per chiarire se il diciannovenne si sia reso responsabile di altre aggressioni a sfondo sessuale.

"In questo senso - concludono dalla Questura - si invitano cittadini e testimoni che lo riconoscessero a contattare il più vicino ufficio di polizia".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scene da far west ai Danisinni, sparatoria in strada: tre feriti, coinvolta una ragazza

  • "Battute sui siciliani": milanese cacciato da un b&b in centro

  • La mafia imponeva i suoi buttafuori nei locali notturni: scattano 11 arresti

  • Suicidio in carcere, detenuto palermitano di 20 anni si toglie la vita

  • I boss decidevano i buttafuori dei locali: ecco i nomi di tutti gli arrestati

  • Precipita da una balconata: grave giovane palermitano

Torna su
PalermoToday è in caricamento