Zona Acquasanta, accoltella la "rivale" in taverna: arrestata donna di 50 anni

E' entrata nell'attività, ha tirato fuori un grosso coltello da cucina e ha colpito in testa una 51enne. La vittima si è salvata per una questione di centimetri, schivando il colpo e riportando solo una ferita

La cinquantenne Patrizia Iones e il coltello utilizzato

Ha sferrato una coltellata alla testa della sua "rivale" che istintivamente ha fatto un balzo indietro evitando l’epilogo peggiore. I carabinieri del Nucleo radiomobile hanno arrestato venerdì sera una cinquantenne palermitana, Patrizia Iones, per il reato di tentato omicidio aggravato da futili motivi. Dietro l’aggressione avvenuta in zona Acquasanta, infatti, ci sarebbero vecchi rancori e questioni di natura economica e passionale.

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori la donna è entrata in una taverna dove ha affrontato la sua vittima, una donna di 51 anni. Grazie alle segnalazioni giunte alla centrale operativa, però, è stata bloccata all’uscita dall’attività "dopo che - spiegano dal Comando provinciale - in uno scatto di ira aveva colpito con un grosso coltello da cucina la donna". Alla base si presume ci sia stata la contesta dei rispettivi mariti.

La donna ferita alla fronte sarebbe riuscita per una questione di centimetri a schivare il colpo, evitando che la lama le causasse conseguenze ben peggiori. Poi è stata portata al pronto soccorso di Villa Sofia dove le è stato riscontrato un trauma cranico da taglio alla regione frontale, giudicato guaribile in dieci giorni. La sera stessa la 51enne ha firmato le dimissioni e ha lasciato l’ospedale.

"Alla vista dei carabinieri che l’hanno bloccata - ricostruiscono ancora dal Comando provinciale - la Iones ha confermato di volere compiere l’insano gesto volontariamente. Dopo le formalità di rito e su disposizione dell’autorità giudiziaria è stata accompagnata a casa e messa ai domiciliari in attesa di essere processata per direttissima.

In quella sede, ieri, il giudice per le indagini preliminari ha convalidato l’arresto e si è riservato di definire la vicenda in un secondo momento. Nelle more che il giudice adotti una decisione la donna accusata di tentato omicidio è stata sottoposta nuovamente alla misura cautelare degli arresti domiciliari.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scene da far west ai Danisinni, sparatoria in strada: tre feriti, coinvolta una ragazza

  • "Battute sui siciliani": milanese cacciato da un b&b in centro

  • La mafia imponeva i suoi buttafuori nei locali notturni: scattano 11 arresti

  • Suicidio in carcere, detenuto palermitano di 20 anni si toglie la vita

  • I boss decidevano i buttafuori dei locali: ecco i nomi di tutti gli arrestati

  • Precipita da una balconata: grave giovane palermitano

Torna su
PalermoToday è in caricamento