Via Roma, mostra il dito medio alla polizia: arrestato dopo un parapiglia

A finire in manette un 32enne. Quando ha visto passare una pattuglia davanti al supermercato Lidl ha schernito gli agenti: "Faccio il c... che voglio". Dopo graffi e spintoni i poliziotti sono riusciti a farlo salire sulla volante

Volanti di polizia davanti al supermercato Lidl di via Roma (foto archivio)

Non appena ha visto la volante in via Roma, ferma davanti al Lidl, ha pensato bene di stendere il braccio destro in direzione degli agenti, chiudere il pugno e alzare solo il dito medio. Dopo insulti, spintoni e qualche graffio è stato arrestato la scorsa domenica un 32enne romeno, A.B., per i reati di lesioni, resistenza e violenza a pubblico ufficiale. Per lui anche una denuncia per oltraggio e rifiuto di fornire le proprie generalità.

Una pattuglia del commissariato Oreto-Stazione stava percorrendo via Roma quando, intorno alle 17, si è fermata vicino al supermercato. Come riferito da alcuni testimoni il 32enne ha iniziato a brandire il dito medio all’indirizzo degli agenti, schernendoli e offendendoli a pochi metri da loro: “Faccio il c… che voglio”. Il tutto sotto gli occhi increduli dei passanti.

A quel punto i poliziotti sono scesi dalla volante per avvicinarsi all’uomo e chiedere spiegazioni. La loro presenza ha indispettito ulteriormente il 32enne che prima si è rifiutato di fornire i propri documenti e poi si è scagliato contro gli agenti, dimenandosi e colpendoli. Una reazione violenta che non gli è servita ad evitare una tappa negli uffici di polizia che si trovano a poche centinaia di metri da lì, proprio in via Roma.

La mattina seguente A.B., nato in Romania e con qualche precedente, è stato portato in tribunale per essere giudicato con il rito direttissimo. Al termine dell’udienza l’autorità giudiziaria ha convalidato l’arresto e disposto per lui - in attesa del processo - la misura cautelare dell’obbligo di firma, costringendolo a tornare in commissariato almeno una volta a settimana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quella notte d'amore all'Ucciardone, Graviano: "Ho fatto un figlio ed ero al 41 bis"

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

Torna su
PalermoToday è in caricamento