Era il terrore delle colf romene, ambulante arrestato per stalking

In manette un 48enne: delle donne conosceva orari, spostamenti e abitudini. Indagini avviate dopo la denuncia in lacrime di una delle vittime

I carabinieri con una delle vittime

Conosceva i luoghi da loro frequentati, gli orari e le abitudini, e non avrebbe perso occasione per darle il tormento. Un venditore ambulante di 48 anni, di cui non sono state fornite le generalità, è stato arresto per stalking dai carabinieri dopo un inseguimento in strada. A dare il via alle indagini e agli appostamenti dei militari l’appello disperato di una donna, una colf romena, che si è presentata in caserma per chiedere aiuto con gli occhi gonfi di lacrime.

L’uomo è stato tenuto sotto osservazione dai carabinieri della stazione Crispi, coordinati dalla Procura della Repubblica di Palermo, a seguito della denuncia di una delle vittime. "Ha subito per quasi un anno violenze psicofisiche, tempestata da centinaia di telefonate al giorno, appostamenti nei pressi del posto di lavoro, pedinamenti e avances di ogni genere che le avevano provocato - spiegano dal Comando provinciale - un forte stato d’ansia ed il terrore di uscire di casa".

Lo stalker, un uomo violento e con precedenti specifici, era stato già arrestato in passato per circostanze simili. "Essendo a conoscenza dei movimenti della vittima e dei posti frequentati dalla donna, nelle ore di pausa pomeridiana, l’aveva raggiunta mentre era seduta all’aperto ad un tavolo di un bar del centro cittadino - spiegano ancora i carabinieri - in compagnia di altre due connazionali, che vedendolo arrivare avevano chiamato il 112”. Alla vista dei carabinieri l’uomo è fuggito a bordo di uno scooter, per poi essere fermato poco dopo.

Dalla verifica in banca dati le forze dell’ordine hanno accertato che il suo scooter non avesse copertura assicurativa, denunciando quindi il 48enne in stato di libertà e sequestrandogli il mezzo. L’autorità giudiziaria informata dai carabinieri, che durante le indagini hanno individuato e ascoltato altre quattro vittime, ha disposto nei suoi confronti la misura cautelare in carcere e reclusione presso il carcere Pagliarelli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo la convalida l’uomo è stato rimesso in libertà e sottoposto al divieto di allontanamento da comune di Palermo e dall’abitazione dopo le ore 20 e prima delle 6, all’obbligo di presentazione ai carabinieri tutti i giorni della settimana, al divieto di avvicinarsi ai luoghi abitualmente frequentati dalla vittima, ai luoghi dove la stessa esercita attività lavorativa nonché, in ogni caso, di avvicinarsi ad una distanza inferiore a trecento metri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sottopasso di via Leonardo da Vinci: "Due persone sono rimaste intrappolate in auto"

  • Violento nubifragio si abbatte su Palermo, strade allagate e città sott'acqua

  • "Aiuto, stiamo morendo": un miracolo nel fango di viale Regione, si tuffa e salva mamma e bimbo

  • Tragico nubifragio a Palermo, l'Amap: "La bomba d'acqua non era stata preannunciata"

  • Bomba d'acqua su Palermo, Orlando: "La pioggia più violenta della storia della città"

  • "Ho visto una coppia annegare", notte di ricerche dopo l'alluvione ma i corpi non si trovano

Torna su
PalermoToday è in caricamento