Venerdì, 23 Luglio 2021
Cronaca Politeama / Via Ruggiero Settimo

Le ruba il telefono in pieno centro, lei si aggrappa allo scippatore e lo fa arrestare

Una donna avvocato racconta a PalermoToday la disavventura capitata in via Ruggero Settimo: "Ho agito d'istinto, sono stata trascinata per diversi metri sotto la pioggia". Poi l'intervento decisivo di un carabiniere e di un bengalese. "Ma molta gente è rimasta a guardare..."

Carabinieri in via Ruggero Settimo - foto archivio

"Non mi sono accorta di nulla, mi sono vista sfilare il cellulare dalle mani e mi sono aggrappata allo scippatore. Sono caduta e mi ha trascinato per diversi metri, davanti all’indifferenza dei tanti passanti. Questo è quello che mi ha fatto più male". A raccontare l’episodio, ancora carica di adrenalina, una donna avvocato trentenne che lunedì è finita nel mirino di un giovane scippatore in via Ruggero Settimo. Grazie al suo istinto, con l’aiuto di un carabiniere fuori servizio e di un ragazzino di origine bengalese, è riuscita a bloccare il ladro e a recuperare il suo smartphone: "Ancora devo finirlo di pagare - spiega a PalermoToday la professionista che preferisce restare anonima - col cavolo che glielo lasciavo portare via. Anche se con il senno di poi non lo rifarei. Non sapevo con chi avessi a che fare e incoscientemente mi sono lanciata all’inseguimento".

Erano le 18.30. L’avvocato era appena uscita dal suo studio e stava rientrando verso casa. "Indossavo gli auricolari e tenevo la borsa tra le mani insieme al cellulare. E’ stato un attimo. Ha afferrato il cellulare e si è messo a correre. Di riflesso sono riuscita ad afferrarlo per un braccio e non l’ho più mollato. Pioveva ed ero bagnata fradicia, avevo il trucco sbavato e ho urlato per tutto il tempo per cercare di attirare l’attenzione". Un inseguimento durato complessivamente una manciata di minuti, sotto una leggera pioggia che rendeva viscidi marciapiedi e asfalto: "Fortunatamente indossavo un paio di Clarks e non le solite scarpe col tacco". Nessuno, però, è intervenuto per bloccare questo giovane delinquente che nel frattempo aveva raggiunto i portici vicino all'Unicredit.

L’avvocato, ormai stremata, si trovava per terra quando ha realizzato che il suo "incubo" era finito. "Si è avvicinato un giovane ambulante bengalese per portarmi il cellulare, mi ha sorriso e mi ha detto: ‘Ecco a te signora’. Non so se lui abbia solo raccolto il cellulare o abbia contribuito a bloccare lo scippatore. Da quello che ho sentito dopo credo di si e gliene sono comunque grata". Solo allora la folla ha circondato il giovane bandito. "Prima nessuno si era interessato a ciò che mi era successo. Poi più di una persona si è avvicinata per chiedermi: ‘Signorina come sta?’. Avrei preferito che intervenissero prima. Poi si è stata la volta di una donna in bici che ha chiesto a me conto e ragione di quel capannello di persone che aveva accerchiato il giovane e della ‘violenza’ con cui lo stavano apostrofando. Ho contato fino a dieci a mi sono congedata da lei".

Pochi istanti dopo sono arrivate due pattuglie dei carabinieri per ammanettare lo scippatore e portarlo nei loro uffici per ulteriori accertamenti. Anche l’avvocato, ancora sotto shock, è andata in caserma per sporgere denuncia e chiarire alcuni dettagli sulla sua disavventura. "Non sono un'eroina, l'ho fatto istintivamente - ci tiene a precisare - e per difendere me stessa". L’arrestato, invece, è stato poi accompagnato a casa e messo ai domiciliari in attesa del giudizio per direttissima. Dopo la convalida dell’arresto il giudice non ha applicato alcuna misura cautelare nei confronti dello scippatore, un ventunenne palermitano incensurato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le ruba il telefono in pieno centro, lei si aggrappa allo scippatore e lo fa arrestare

PalermoToday è in caricamento