menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto archivio)

(foto archivio)

Sbarco a Palermo, fermati nella notte due presunti scafisti

Si tratta del ghanese Ibirmi Abububi e di Omaru Samateh, originario del Gambia. Le testimonianze raccolte a bordo, oltre a mettere in luce le sofferenze patite dai "viaggiatori", hanno permesso di individuare i due responsabili

Nuove storie di sofferenza nell’ennesimo sbarco di migranti a Palermo, al termine del quale sono stati individuati due presunti scafisti. Gli agenti della polizia e della guardia di finanza hanno fermato il 32enne ghanese Ibirmi Abububi e il 22enne Omaru Samateh, originario del Gambia. Dalle immagini e dalle informazioni raccolte a bordo della nave militare "Chimera", gli uomini della Squadra Mobile sono riusciti a ricostruire l'accaduto. Per i due africani, accusati di favoreggiamento all’immigrazione clandestina, si sono aperte le porte del carcere Pagliarelli.

L’imbarcazione militare, attraccata nel pomeriggio di ieri sul molo Puntone, è riuscita a portare in salvo 362 migranti, tra cui anche bambini e donne incinte. Erano stati soccorsi, nell’ambito delle operazioni "Mare Sicuro Stretto di Sicilia", lo scorso 30 marzo al largo di Lampedusa, dove erano arrivati a bordo di tre gommoni partiti dalle coste libiche. Una volta arrivati a Palermo, lo staff sanitario del Ministero della Salute ha cominciato a raccogliere informazioni, nel tentativo di dare un volto ai responsabili di quel “viaggio della speranza”.

Nella notte, dopo le prime indagini degli investigatori, sono stati quindi fermati Abububi e Samateh. "Le testimonianze raccolte nell’immediatezza - spiegano dalla Questura - hanno descritto le sofferenze patite dai migranti, nelle fasi preparatorie e durante il viaggio, ma al contempo hanno dato impulso alle indagini, fornendo importanti elementi di riscontro in relazione all’identità degli scafisti accusati di favoreggiamento all’immigrazione clandestina”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento