La notte delle rapine, diciannovenne arrestato dopo aver rubato l'iPhone a una ventenne

Dawda Darboe, nato in Gambia, è accusato del colpo messo a segno in via Aurispa. Il giovane è sospettato di altre tre rapine (due tentate e una consumata) registrate nell'arco di circa due ore in diverse zone della città

E’ considerato responsabile della rapina a una ventenne e sospettato di altri tre colpi, due dei quali tentati e uno portato a termine. La polizia ha arrestato il diciannovenne Dawda Darboe, gambiano senza fissa dimora accusato di aver seminato il panico due notti fa, da una parte all'altra della città. L’ultimo episodio prima della cattura è stato registrato in via Aurispa intorno alle 3.30. Nel mirino una giovane che è stata bloccata per strada, minacciata e rapinata del suo cellulare poco prima di rientrare a casa.

Nonostante lo shock la ragazza ha fornito agli agenti dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico una descrizione sommaria del suo aggressore e del mezzo da lui utilizzato per allontanarsi. Nel giro di poco gli investigatori hanno "organizzato - spiega la Questura in una nota - un capillare dispositivo di sicurezza e controllo ad ampio raggio. In prima battuta, qualche minuto prima delle 4, gli agenti hanno rinvenuto l’auto utilizzata per le rapine parcheggiata a Ballarò senza passeggeri al suo interno".

Durante le ricerche i poliziotti hanno individuato all'Albergheria, in via Trappetazzo, un extracomunitario "fortemente somigliante a quello descritto da vittime e testimoni quale autore dei diversi episodi criminosi". Alla vista degli uomini in divisa il giovane ha tentato la fuga ma è stato raggiunto e immobilizzato. All’interno dell’auto poi risultata rubata è stata trovata la cover del cellulare sottratto poco prima alla vittima della rapina di via Aurispa. Da lì sono partite le indagini che hanno portato gli investigatori a ritenere che sia lui il responsabile delle altre rapine avvenute quella notte".

Secondo la Questura Darboe è sospettato di un altro colpo avvenuto intorno alle 2.45 ai danni di un giovane che si trovava in viale Regina Elena. "E’ stato vittima di una rapina - si legge ancora nella nota - compiuta da un cittadino africano a bordo della solita piccola auto che gli ha sottratto il cellulare e la chiave dell’auto". Appena 15 minuti prima in viale Aiace un gruppo di giovani fermi in strada è stato avvicinato da un extracomunitario il quale, con il pretesto di una sigaretta, si sarebbe avvicinato per poi brandire un coltello e minacciarli. L’automobilista è riuscito però ad avviare il motore e ad allontanarsi a gran velocità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La seconda tentata rapina di quella notte è avvenuta in via Archimede. "Intorno alle 2 - concludono dalla Questura - due cittadine romene sono state avvicinate dal giovane. Una è stata bloccata ai polsi ma è riuscita a gridare, divincolarsi e fuggire". L’episodio in questione, il primo in ordine cronologico, è anche il primo segnalato alla linea d’emergenza 113. Le informazioni fornite da vittime e testimoni sugli assalti hanno portato gli investigatori a ritenere che sia proprio il diciannovenne la persona che ha "ripetutamente turbato la sicurezza cittadina in diverse zone del capoluogo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ordinanza di Orlando, divieti non solo in centro: "Ecco le strade dove non ci si potrà fermare"

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: "Un esercito di medici per contrastare il Covid"

  • Le mosse anti Covid di Orlando: nessun coprifuoco ma divieto di sostare in strada

  • Maestra positiva al Covid e classe d'asilo in quarantena, i genitori: "Comunicazione arrivata tardi"

  • Gli insulti, la sparatoria in piazza e la chiamata al 112: "Questa è l'arma con cui l'ho ucciso"

  • Incidente a Boccadifalco, schianto tra 2 auto: tre feriti, uno è grave

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento