menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una delle volanti intervenute dopo la rapina e l'arresto

Una delle volanti intervenute dopo la rapina e l'arresto

Rapina in un market, giovanissimo arrestato dopo una corsa spericolata fra le auto

In manette un minorenne fermato in viale Regione dopo un colpo realizzato con un complice in via Petralia Sottana, in zona Altarello. Bloccato dopo la fuga, il giovane è stato trovato in possesso di 200 euro di cui ha saputo spiegare la provenienza

Giovane per com’è riusciva a sfrecciare correndo tra pedoni e auto per non farsi catturare ma alla fine si è dovuto arrendere, trovandosi costretto a consegnare 200 euro di cui non ha saputo spiegare la provenienza. Per i poliziotti delle volanti che l’avevano inseguito si trattava invece di una parte del bottino di una rapina messa a segno pochi minuti prima in un supermercato di via Petralia Sottana, in zona Altarello.

A finire in manette è stato un minorenne accusato del colpo avvenuto ieri mattina in un market. “A seguito della segnalazione di una rapina appena consumata da due giovani con il volto parzialmente travisato - spiegano dalla Questura - gli agenti, dirigendosi sul posto, hanno notato dalle parti di via Gela un giovane corrispondente per abbigliamento e fattezze fisiche a uno dei rapinatori descritti alla centrale operativa”.

Alla vista della volante il ragazzino ha provato a scappare raggiungendo viale Regione Siciliana e imboccando la strada nella direzione opposta al senso di marcia, rischiando di buttare a terra qualche pedone o di farsi travolgere dalle auto. Il coordinamento tra il personale dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico e dei Falchi però ha consentito di bloccare la sua fuga.

“Il giovane è stato compiutamente identificato - aggiungono dalla Questura - e sottoposto ad una perquisizione personale: addosso nascondeva la somma di oltre 200 in banconote di diverso taglio, verosimile parte del bottino trafugato di circa 500 euro, sulla cui provenienza non è stato infatti in grado di fornire alcuna plausibile giustificazione”.

L’ulteriore conferma sui riscontri effettuati è arrivata dalla visione dei sistemi di videosorveglianza dell’esercizio commerciale e dall’audizione di testimoni e vittime della rapina. Il minorenne è stato tratto in arresto per il delitto di rapina aggravata in concorso e condotto al carcere Malaspina-Morvillo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento