menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Fortè di via Ida Castelluccio (foto Google street view)

Il Fortè di via Ida Castelluccio (foto Google street view)

Zisa, rapina al Fortè: giovane inchiodato dalle telecamere e arrestato

In manette il 26enne Domenico Miceli. Nonostante fosse incensurato i poliziotti lo hanno riconosciuto. A tradirlo, infatti, sono state le sue frequentazioni poichè in passato era stato visto insieme ad alcuni noti pregiudicati

Tradito dalle immagini della videosorveglianza e dalle sue frequentazioni. La polizia ha arrestato uno dei due rapinatori che hanno messo a segno un colpo lo scorso 3 dicembre nel supermercato Fortè di via Ida Castelluccio, nel quartiere Zisa. Si tratta del 26enne palermitano Domenico Miceli. Due uomini, uno dei quali a viso scoperto e armato di coltello, hanno fatto ingresso nei locali del market e dopo averlo rapinato sono fuggiti a bordo di uno scooter Honda Sh di colore rosso.

I poliziotti del commissariato Zisa-Borgo Nuovo, dopo avere visionato le immagini fornite dalle telecamere del circuito interno del supermercato, hanno riconosciuto il rapinatore a volto scoperto che, sebbene incensurato, era stato notato in diverse occasioni "accompagnarsi a noti pregiudicati del quartiere Zisa". Eseguiti gli accertamenti gli agenti sono riusciti ad identificare il giovane e, per rintracciarlo, hanno predisposto dei servizi di appostamento e osservazione vicino casa sua.

domenico miceli-3In occasione delle festività natalizie il questore Guido Longo ha intensificato la rete di controlli sugli esercizi commerciali. "Sono le fasi di chiusura serale degli esercizi - scrivono dalla Questura - quelle ritenute più a rischio. Quelle in cui i rapinatori preferiscono entrare in azione perché ritengono di trovare molti contanti in cassa. Le pattuglie effettuano così dei passaggi frequenti nelle aree commerciali cittadine".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento