Cronaca

Coltivava marijuana in casa, sequestrati oltre 700 grammi: un arresto ad Altofonte

Nei guai un 46enne palermitano. I carabinieri sono stati insospettiti da alcuni dettagli: teneva le tapparelle, le porte e le finestre chiuse e l'impianto di climatizzazione sempre acceso

I carabinieri con alcune delle piante sequestrate

Teneva le tapparelle abbassate, i condizionatori in funzione a tutte le ore del giorno, nonchè le finestre e le porte chiuse nel tentativo di nascondere la sua piantagione di marijuana. I carabinieri hanno arrestato ad Altofonte un 46enne palermitano, Paolo Trupiano, accusato di coltivazione di sostanze stupefacenti.

I militari hanno notato alcuni dettagli sulla sua abitazione, in contrada Rebuttone, che li hanno insospettiti. Dopo la perquisizione domiciliare sono state trovate 49 piante di marijuana alte circa 80 centimetri, mentre in un'altra stanza c’erano rami, per un peso complessivo di circa 350 grammi di cannabis, messi a essiccare prima della vendita.

In un altro appartamento nelle disponibilità di Trupiano, a Palermo, sono stati rinvenuti altri 400 grami di stupefacente pronti per essere venduti. E’ risultato che per la coltivazione delle piante l’uomo avrebbe allestito un impianto di irrigazione, di illuminazione e di riscaldamento, allacciando abusivamente il tutto alla rete elettrica pubblica.

L’autorità giudiziaria ha disposto il regime degli arresti domiciliari nei confronti del 46enne palermitano in attesa della convalida del gip. In quella sede il giudice ha convalidato l’arresto disponendo gli arresti domiciliari con braccialetto elettronico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coltivava marijuana in casa, sequestrati oltre 700 grammi: un arresto ad Altofonte

PalermoToday è in caricamento