Cronaca Via Ballaro

Molestie a donna incinta e rapine, arrestato il terrore del centro

Dopo aver rapinato un connazionale a Ballarò, un siriano di 25 anni ha minacciato una tunisina con un coltello, chiedendole un rapporto sessuale davanti al figlio di 10 mesi. Trovati in casa sua alcuni ritagli di giornale che riportavano le sue "gesta" prima di un altro arresto

Aveva seminato il terrore nel centro storico rendendosi protagonista di un'aggressione a sfondo sessuale contro una donna incinta e di diverse rapine. La polizia ha messo le manette ad un ragazzo di 25 anni nato in Siria, Rahali Samir, fermato nei pressi della propria abitazione di via Piave. Dopo aver molestato una tunisina incinta in via delle Pergole, davanti al figlio di 10 mesi, le avrebbe puntato alla gola un coltello per "chiederle" un rapporto sessuale. Una volta arrestato, gli agenti hanno trovato in casa sua alcuni ritagli di giornale che riportavano le sue "gesta" da rapinatore.

"Il venticinquenne, responsabile di alcuni assalti di diversa natura e rara efferatezza - spiega la polizia -, è stato messo in fuga dalle urla di paura della donna che avevano richiamato l'attenzione del marito". I due, spaventati, si sono mossi verso corso Tukory spiegando alla polizia l'accaduto e fornendo una descrizione abbastanza accurata dell'aggressore. E così è partita la caccia all'uomo, fermato poco dopo vicino a Porta Sant'Agata. E ancora una volta il siriano è riuscito a fuggire, dopo una violenta colluttazione con un poliziotto che riportato diverse ferite. Ma durante la fuga il venticinquenne ha perso un cellulare.

Di quest'ultimo la polizia ha scoperto che si trattava del bottino di una rapina ai danni di un connazionale avvenuta nei vicoli di Ballarò, poco prima dell'aggressione a sfondo sessuale. Rahali, braccato dagli agenti di polizia, è tornato verso casa, in via Piave. Ma la palazzina in cui abitava era già stata circondata dai poliziotti. Anche in questo caso ha cercato di evitare la cattura, nascondendosi nell'androne dello stabile, dove è stato poi fermato ed ammanettato. Nella sua abitazione sono stati scoperti alcuni ritagli di giornale che riportavano la notizia di un suo precedente arresto per alcune rapine messe a segno in passato. Ritrovati anche alcuni portafogli da donna che potrebbero essere il frutto di altri reati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Molestie a donna incinta e rapine, arrestato il terrore del centro

PalermoToday è in caricamento