rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Via Messina Marine / Bandita / Via Messina Marine, 723

"Ora ti faccio ammazzare da mio marito", coppia arrestata dopo un furto all'Eurospin e un pestaggio

I fatti risalgono al 18 giugno scorso. La donna mentre scappava con la merce rubata dal supermercato avrebbe minacciato una guardia giurata che voleva fermarla. Poco dopo è arrivato il coniuge che, insieme ad altre sei persone, ha picchiato il vigilante. I due sono finiti ai domiciliari

Mentre scappava dal supermercato con la merce rubata avrebbe minacciato una guardia giurata che voleva fermarla: "Ora chiamu a me marito e ti fazzu ammazzari". Promessa mantenuta dall’uomo che sarebbe arrivato poco dopo su una bici elettrica all’Eurospin di via Messina Marine e avrebbe cominciato a picchiarlo insieme ad altre sei persone arrivare a dare manforte. Questa la ricostruzione che, su disposizione del gip Annalisa Tesoriere, ha portato agli arresti domiciliari Gaetano Di Mariano, 48 anni, e la moglie Santina Castiglione, 52 anni. Il primo è accusato di lesioni mentre la seconda dovrà rispondere di rapina impropria.

A indagare sull’episodio, avvenuto a giugno scorso, sono stati gli investigatori del commissariato Brancaccio (in foto) che quel giorno erano intervenuti insieme ai colleghi dell’Ufficio prevenzione generale dopo l’allarme lanciato al 112 da una guardia giurata. Secondo quanto ricostruito il dipendente della Sicurtransport aveva notato tre donne che si aggiravano con fare sospetto tra i corridoi. Temendo che stessero cercando di rubare l’uomo si sarebbe avvicinato ma le tre, per evitare problemi, avrebbero cercato di uscire. La guardia giurata le ha seguite sino al parcheggio dove Castiglione si sarebbe liberata della refurtiva prima di minacciare il lavoratore.

"Ora chiamu a me marito e ti fazzu ammazzari", gli avrebbe urlato. Poco dopo quella che sembrava solo una minaccia, proferita per intimorire la guardia giurata, si è concretizzata. Di Mariano, che abita lì vicino, sarebbe arrivato a bordo di una bici e si sarebbe scagliato immediatamente contro il dipendente della Sicurtransport, colpendolo con calci e pugni anche alla nuca e mordendogli un avambraccio. Poco dopo sarebbero arrivate altre sei persone, non ancora identificate, che lo avrebbero aiutato a picchiarlo prima di allontanarsi e fare perdere le proprie tracce. "Tutti sarbati l’hai", avrebbe urlato il 48enne prima di fuggire.

La guardia giurata, portata in ospedale e dimessa con 7 giorni di prognosi (diventati 30 dopo alcuni accertamenti), ha fornito ogni dettaglio utile per identificare la donna che aveva rubato tra gli scaffali - inquadrata anche dalle telecamere dell’Eurospin - e il marito intervenuto per aiutare lei e picchiare lui. I poliziotti successivamente hanno mostrato alcune foto segnaletiche alla vittima del pestaggio che ha riconosciuto Castiglione quale autrice del furto e Di Mariano quale autore della spedizione punitiva in cui sarebbero state coinvolte altre sei persone.

Sulla scorta della ricostruzione fatta dai poliziotti il sostituto procuratore Vittorio Coppola aveva chiesto la detenzione in carcere. Il gip, invece, ha optato per gli arresti domiciliari sottolineando comunque la necessità di porre un freno ai due temendo che, se rimessi in libertà, possano "commettere altri delitti della stessa specie di quelli per cui si procede". I fatti risalgono al 18 giugno dello scorso anno mentre gli arresti, comunicati solo questa mattina, risalgono a metà marzo. In questo lasso di tempo la coppia si è rivolta, tramite l’avvocato, al tribunale del Riesame che però ha deciso di non sospendere la misura cautelare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ora ti faccio ammazzare da mio marito", coppia arrestata dopo un furto all'Eurospin e un pestaggio

PalermoToday è in caricamento