Treviso, docente palermitano in manette: "Bruciò decine di auto con un complice"

Le indagini della Squadra Mobile sui roghi della scorsa estate hanno portato all'arresto di un insegnante 23enne palermitano, dipendente di un istituto del centro di Treviso. A luglio era finito in cella Daniele Martorana

Una delle auto distrutte dalle fiamme nel Trevigiano

Auto incendiate, il piromane aveva un complice: un insegnante
E' accusato di aver partecipato all'incendio di una dozzina di auto, date alle fiamme dal maggio al luglio dello scorso anno, nella periferia di Treviso. Il 19 luglio dello scorso anno gli investigatori della squadra mobile della Questura di Treviso avevano arrestato un giovane considerato il piromane responsabile, il 22enne Daniele Martorana. Era chiaro che il giovane non potesse aver agito da solo e infatti le indagini della Squadra Mobile hanno portato in questa direzione.

Nelle scorse ore, a conclusione di una lunga indagine, è stato raggiunto da un'ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari il principale complice nonché vero e proprio punto di riferimento di Martorana. Si tratta del palermitano Luca Odierna Continuo, insegnante di grafica 23enne, dipendente di un istituto privato del centro di Treviso in cui dava ripetizioni a studenti che dovevano recuperare anni scolastici.

Intervista del capo della squadra mobile di Treviso, Claudio Di Paola.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

A firmare il provvedimento è stato il gip del tribunale di Treviso su richiesta del pm. Il giovane è accusato di una lunga serie di incendi dolosi in concorso con Daniele Martorana, attualmente affidato ad una comunità di recupero nel Piacentino. L'unico blitz solitario avvenne lo scorso anno a Silea, nella provincia trevigiana, con il rogo di una Bmw.

Auto incendiate, il piromane aveva un complice: un insegnante
La tecnica era sempre la stessa: sistemavano della carta igienica sulle ruote anteriori e posteriori e poi la incendiavano utilizzando dell'alcool etilico o una bomboletta spray di deodorante. Tra il giovanissimo insegnante e Martorana esisteva un rapporto di grandissima complicità. Spesso si inviavano le foto o i video delle proprie malefatte, scambiandosi frasi a dir poco sconcertanti [Fonte: TrevisoToday.it]

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Da curare.

  • Avatar anonimo di Senzapaura
    Senzapaura

    Complimenti per le istruzioni che date a qualche altro deficiente. 

    • Avatar anonimo di Mario1
      Mario1

      Purtroppo i giornalisti pensando che il pubblico abbia diritto di essere informato, dimenticano che offrono gratuitamente a molti deviati mentali le soluzioni per fare più danno alla società. Spesso la verità a pioggia, viene utilizzata male da chi è in malafede.

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Incidente al Villaggio, donna investita da un’auto davanti a una scuola: è grave

  • Cronaca

    Zen sotto assedio, perquisizioni nelle case: preso 22enne con pistola e coca

  • Cronaca

    Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Politica

    Assistenza agli alunni disabili, operatori senza retribuzione: servizio sospeso in alcune scuole

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Cocaina a gogò per i professionisti: terremoto nella mafia di Porta Nuova, 32 arresti

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Via Maqueda, tenta il colpo in un minimarket: rapinatore ucciso nella notte

Torna su
PalermoToday è in caricamento