rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Cronaca Cinisi

Arresto Helg, la famiglia Palazzolo: "Abbiamo fatto il nostro dovere"

L'imprenditore di Cinisi, che ha un punto vendita all'aeroporto Falcone-Borsellino, ha deciso di denunciare il vice presidente della Gesap che gli ha chiesto una tangente di 100 mila euro per la proroga del contratto di locazione. Lo Voi: "Reazione dello Stato è tempestiva se ci sono informazioni concrete"

"Abbiamo fatto il nostro dovere". Stringate, ma piene di significato le parole della famiglia Palazzolo rilasciate a PalermoToday. L'imprenditore di Cinisi, gestore dell'omonima pasticceria - che ha un punto vendita all'aeroporto Falcone-Borsellino - ha deciso di denunciare il presidente della Camera di commercio di Palermo Roberto Helg.

L'INTERCETTAZIONE CHE INCASTRA HELG - AUDIO

"Al momento però preferiamo non rilasciare ulteriori commenti", così termina il messaggio della famiglia Palazzolo. Che ha deciso di stare lontano dai riflettori finchè l'indagine è ancora in corso. Secondo quanto trapela l'uomo venerdì scorso si è presentato ai carabinieri denunciando di avere ricevuto la richiesta di una tangente da 100 mila euro dal vice presidente della Gesap, la società che gestisce l'aeroporto, Roberto Helg.  Oggi, nel corso del consiglio di amministrazione si sarebbe dovuta affrontare la questione proroga del contratto di locazione di Palazzolo, scaduto il 28 febbraio. Giovedì scorso il commerciante avrebbe chiesto a Helg notizie sulla proroga dell'affitto per tre anni, prevista dal contratto e quindi legittima, e il presidente della Camera di commercio gli ha detto che per accelerare la pratica doveva pagare la tangente da 100.000 euro. Palazzolo ci ha pensato su una notte e venerdì ha denunciato tutto ai militari dell'Arma. Tutto quindi si è svolto nel giro di pochi giorni.

"In tutta questa vicenda - afferma il procuratore di Palermo, Francesco Lo Voi - mi preme sottolineare l'importanza del fatto che un imprenditore abbia spontaneamente collaborato e deciso di denunciare. Altro aspetto significativo - ha aggiunto il procuratore - è che, grazie ai carabinieri e all'attività della procura, sia stata data al cittadino una risposta immediata, a conferma del fatto che, in presenza di informazioni concrete, la reazione dello Stato è tempestiva".

LA STORIA DEI PALAZZOLO - La quasi centenaria Pasticceria Palazzolo è un'istituzione per Cinisi. Nata nel 1920 come laboratorio di dolci siciliani, oggi è un'azienda con 45 dipendenti, una sede a Barcellona e una tavola calda - bistrot in Normandia. Dal 2011 l'impresa ha anche uno show room dentro l'aeroporto. La qualità dei prodotti, l'ospitalità e la cortesia dei proprietari le caratteristiche che hanno fatto della pasticceria un posto speciale.

Santi Palazzolo è il mentore, il pasticcere che ha ereditato dal nonno la passione per i dolci e l'ha trasformata in un business portando l'azienda di famiglia a diventare grande. Tantissime le sue specializzazioni: dalle tecniche di decorazione al bilanciamento di gelateria fino alla realizzazione di torte monumentali. Dal 1998 entra in AMPI ed oggi è membro del Consiglio Direttivo. Tiene periodicamente corsi specialistici nei diversi istituti alberghieri della Sicilia Occidentale. I suoi cannoli sono stati protagonisti di una puntata della Prova del Cuoco, la trasmissione condotta dalla Clerici ma le delizie che l'azienda crea sono molte di più e le conoscono bene i viaggiatori che si sono trovati a passare dalla scalo di Palermo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arresto Helg, la famiglia Palazzolo: "Abbiamo fatto il nostro dovere"

PalermoToday è in caricamento