Sorpreso a rubare in una stazione ferroviaria, un arresto a Castronovo di Sicilia

In manette un 59enne di Mussomeli che stava portando via rame e parti in metallo per rotaie. Altre quattro persone sono finite in manette, in un altro intervento, con l'accusa di aver rubato della legna in una proprietà demaniale

Il materiale rubato dalla stazione ferroviaria

Aveva parcheggiato il suo camioncino davanti a una stazione ferroviaria e aveva iniziato a rubare rame e ferro. Poi, per sua sfortuna, sono arrivati i carabinieri. E’ finito ieri in manette a Castronovo di Sicilia un 59enne di Mussomeli (Caltanissetta), Vincenzo Anzalone, accusato di aggravato. Ad accorgersi di qualcosa di anomalo sono stati alcuni militari del Nucleo radiomobile di Lercara Friddi mentre attraversavano contrada Regalsciacca. Arrestati anche quattro palermitani, al confine con il comune di Bivona (Agrigento), sorpresi con un mega carico di legna.

"Avvicinandosi sempre più - spiegano dal Comando provinciale - hanno notato un uomo intento ad asportare vario materiale tra cui chiavarde e caviglie per rotaia nonché diversi cavi di rame. Successivamente è stata eseguita anche una perquisizione sul mezzo industriale all’interno del quale sono stati rinvenuti altro materiale ferroso e diversi arnesi da scasso". Quindi l’arresto e il trasferimento in tribunale dove il giudice, dopo la convalida, ha disposto per lui la misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In un altro episodio sono stati arrestati con l’accusa di furto aggravato Francesco Puccio (46 anni), Salvatore Puccio (60), Salvatore Puccio (41) e Paolo Puccio (45). I quattro sono stati fermati a bordo di due autocarri mentre trasportavano diverse tonnellate di legna che, secondo quanto emerso dagli accertamenti, sarebbe stata prelevata in esubero rispetto a quanto previsto dalle autorizzazioni concesse”. Il carico arrivava da una proprietà demaniale in contrada Acque Bianche. Per loro disposti i domiciliari in attesa dell’udienza di convalida presso il tribunale di Termini Imerese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Figlia morta dopo il Gratta e vinci perdente: chiesta condanna a 6 anni per la mamma infermiera

  • Con lo scooter investì e uccise un anziano e il suo cane, morto un trentenne

  • Suicidio all'Uditore, cinquantenne si getta dalla finestra e muore

Torna su
PalermoToday è in caricamento