Cronaca Tribunali-Castellammare / Piazza Caracciolo

Vucciria, magnete sul contatore per ridurre consumi in una pescheria: arrestato titolare

Si tratta dell'attività di piazza Caracciolo 1-3. In manette il 36enne che la gestiva e che, grazie al trucchetto, sarebbe riuscito a pagare in media 100 euro al mese. Per lui l'accusa è di furto aggravato

I carabinieri nella pescheria di piazza Caracciolo

Con il solito trucco del magnete sul contatore era riuscito a ridurre i consumi del 90%. I carabinieri hanno arrestato nel cuore della Vucciria il 36enne palermitano A.L.V. con l'accusa di furto aggravato di energia elettrica. Dopo i controlli effettuati con il supporto dei tecnici Enel l'attività, che si trova in piazza Caracciolo 1-3, è rimasta aperta ma senza fornitura energetica.

I militari della stazione di piazza Marina sono entrati nella pescheria risalendo al contatore (che non si trovava nei locali principali) che forniva elettrcità a due grosse celle frigorifere registrando consumi pari al 10-20% rispetto al dato reale: la bolletta media si aggirava intorno ai 100 euro. In sede di giudizio per direttissima l'arresto del 36enne è stato convalidato e l'uomo è stato liberato.

Resta ancora da quantificare il danno registrato dalla società che eroga il servizio. A poca distanza da piazza Caracciolo si trova la storica Taverna Azzurra, locale che anima le notti della Vucciria e della sua variegata clientela. A seguito dei controlli effettuati negli ultimi mesi, e dopo aver "schedato" la presenza assidua di alcuni pregiudicati, il Questore ha deciso di chiudere il locale per 10 giorni come previsto dall'articolo 100 del Tulps.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vucciria, magnete sul contatore per ridurre consumi in una pescheria: arrestato titolare

PalermoToday è in caricamento