Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Monreale, luce "a scrocco" per la casa di cura: arrestata la titolare

In manette una ragazza di 26 anni, ritenuta responsabile di aver apposto un grosso magnete abbattendo i consumi del 98,63%. Solo con un controllo delle fatturazioni sarà possibile capire per quanto tempo abbia beneficiato dello "sconto" che si era concessa

Le verifiche dei carabinieri sui contatori

Alimentava la sua casa di cura senza scucire (quasi) un centesimo per la fornitura di energia. I carabinieri hanno arrestato a Monreale una ragazza di 26 anni, G.A.D., poiché sorpresa ad alterare i consumi dell’attività da lei gestita. "I tecnici dell’Enel hanno registrato, al momento del controllo, un riduzione del flusso di energia pari a circa il 98,63% - spiegano dal Comando - ottenuto grazie all’utilizzo di un grosso magnete”.

Così facendo la giovane imprenditrice era riuscita a pagare solo l’1,37% dell’importo dovuto per le bollette della casa di cura, di cui non è stato fornito il nome. Solo con un controllo delle fatturazioni si potrà scoprire per quanto tempo abbia usufruito dello "sconto" che si era concessa. La donna, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stata sottoposta agli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo, che si è concluso con la convalida dell’arresto e l’immediata scarcerazione per i richiesti termini a difesa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monreale, luce "a scrocco" per la casa di cura: arrestata la titolare

PalermoToday è in caricamento