Minaccia una coppia di turisti con un coccio di vetro per farsi dare i soldi, arrestato 28enne

L'episodio in via Lattarini. Il giovane, riconosciuto poi da alcuni testimoni, è stato fermato dopo un altro episodio simile avvenuto in discesa dei Giudici. Per lui l'accusa è di estorsione

Una pattuglia di polizia in piazza San Domenico

Avrebbe preso di mira una coppia di turisti del nord Italia che passeggiava per il centro storico, minacciandoli con un coccio di vetro per farsi consegnare del denaro, e poi avrebbe avrebbe fatto lo stesso con un’altra vittima. Gli agenti del commissariato di polizia Oreto-stazione hanno arrestato un 28enne, F.G., residente in zona Oreto con l'accusa del reato di estorsione.

Il primo episodio è avvenuto in via Lattarini. "Il giovane - ricostruiscono dalla Questura - avrebbe adocchiato le vittime, una coppia di coniugi sorpresa prima di fare rientro nella loro struttura ricettiva". Il marito, minacciato con il pezzo di vetro, si è sentito costretto a dargli qualcosa mentre la moglie, impaurita, è riuscita a scappare e a rifugiarsi in un minimarket.

Poco dopo il copione si è ripetuto in discesa dei Giudici. "Il 28enne - aggiungono dalla polizia - avrebbe aggredito un cittadino, minacciandolo di gravi ritorsioni e ottenendo anche in questo caso alcune monete". Fondamentale il passaggio di due poliziotti, la cui attenzione è stata attirata dalla stessa vittima. A quel punto gli agenti hanno fermato F.G., indicato anche da alcuni testimoni quale responsabile dei due episodi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • Nuovo Dpcm: Governo conferma l'ipotesi dello stop all'asporto per i bar dopo le 18

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento