Cronaca

In tre ricattano un imprenditore Poliziotti travestiti li arrestano

L'accusa è estorsione in concorso. I malviventi avevano chiesto 1.500 euro come risarcimento per un presunto incidente. Gli agenti hanno chiesto alla vittima di fissare un appuntamento e si sono fatti trovare là

Travestiti da parcheggiatori abusivi, arrestano tre estorsori che vessavano un imprenditore edile. I poliziotti del commissariato San Lorenzo, grazie alla denuncia della vittima, hanno arrestato Nunzio Di Stefano, 44 anni, Giuseppe Adelfio, 36 anni, e Massimiliano Garofalo, 38 anni per estorsione in concorso.

I tre avevano avanzato una richiesta di 1500 euro, quale "risarcimento" a Di Stefano per un presunto incidente sul lavoro verificatosi quando lavorava per l'imprenditore. Questi, disconoscendo l'incidente sul lavoro, si è sempre rifiutato. A quel punto sono iniziate le minacce e la vittima si è rivolta alla polizia che ha consigliato di fissare un appuntamento con gli estorsori e di consegnare loro delle banconote preventivamente fotocopiate.

All'incontro fissato sotto casa dell'imprenditore, si sono presentati, a distanza, anche gli agenti che si sono finti parcheggiatori abusivi intervenuti poco prima che i malviventi, dopo avere incassato 500 euro in contati, "scortassero" la vittima in banca dove avrebbe dovuto scambiare un assegno di mille euro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In tre ricattano un imprenditore Poliziotti travestiti li arrestano

PalermoToday è in caricamento