Droga, coltelli e una pistola finta in un magazzino: arrestato 38enne in via Cipressi

L'uomo è stato visto mentre s'intrufolava frettolosamente dentro l'immobile: addosso aveva 66 dosi tra hashish e marijuana. Trovato anche un taccuino pieno di numeri che secondo i carabinieri si riferiscono alle ultime operazioni di vendita

La droga, i contanti e le armi sequestrate

Droga, contanti, coltelli, una pistola finta e un taccuino pieni di numeri. E’ quanto hanno trovato i carabinieri della stazione Centro dopo aver arrestato un 38enne all’interno di un magazzino in via Cipressi. L’uomo (G.B. le iniziali) è ora accusato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

“I militari - spiegano dal Comando provinciale - hanno visto l’uomo intrufolarsi frettolosamente dentro un magazzino e lo hanno raggiunto, trovandolo in possesso di 66 dosi tra hashish e marijuana”. A quel punto è stata eseguita una perquisizione che ha permesso di trovare il resto del materiale sequestrato.

Oltre a 1.000 euro in banconote sono state trovati due coltello “tattici”, una pistola a salve (una replica di una Beretta senza tappo rosso) e degli appunti in cui secondo, secondo i carabinieri, erano state annotate le ultime operazioni di vendita di sostanza stupefacente.

Il 38enne è stato quindi fermato e portato a casa in attesa di essere giudicato per direttissima. Il gip ha convalidato l’arresto e diposto per lui la misura cautelare degli arresti domiciliari. La droga sequestrata è stata inviata ai laboratori del Las del Comando provinciale per le analisi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Grida "mamma" e si accascia in cucina, morta bimba di 9 anni ad Acqua dei Corsari

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento