Falsomiele, oltre un chilo di marijuana nascosto in un box: un arresto

Le manette sono scattate ai polsi del 41enne Giuseppe Marsala. I carabinieri lo hanno visto in via dell'Airone a bordo di uno scooter e si sono insospettiti per il fatto che indossasse il casco

I carabinieri con la droga sequestrata

Trovato oltre un chilo di marijuana in un box a Falsomiele. I carabinieri hanno arrestato il 41enne Giuseppe Marsala con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. A insospettire la pattuglia della compagnia San Lorenzo il fatto che l’uomo, a bordo di scooter, utilizzasse il casco "abitualmente non indossato".

I carabinieri lo hanno seguito e sono intervenuti dopo averlo visto parcheggiare lo scooter e aprire un box in via dell’Airone. Durante la perquisizione Marsala (nella foto a destra) ha collaborato, aprendo lui stesso alcune buste che si trovavano in quel garage per mostrare il contenuto e rendere più veloci i controlli. Un comportamento che ha insospettito ulteriormente i militari che, a quel punto, hanno voluto vederci chiaro.

giuseppe marsala-2"Proprio all’interno di una di quelle buste - spiegano dal Comando provinciale - erano occultate le tre confezioni di marijuana, ancora imballate con cellophane e nastro adesivo, dal peso complessivo di oltre 1 chilo e 300 grammi". A seguito dell’arresto di Marsala in flagranza e dopo l’udienza di convalida, il giudice ha disposto per lui i domiciliari in attesa del processo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il catering allo stadio per l'Italia, poi lo schianto mortale: il bar Rosanero piange il suo chef

  • Palmese-Palermo, rissa furibonda tra tifosi rosanero: ci sono feriti

  • Incidente in zona Fiera, perde il controllo della moto e cade: morto 43enne

  • Via Ugo La Malfa, esplode pneumatico: morto gommista di 18 anni

  • Incidente a Corleone, auto sbanda e finisce contro un albero: morto diciannovenne

  • Truffe, droga e rapine: i boss di Brancaccio facevano spaccare le ossa ai disperati, 9 arresti

Torna su
PalermoToday è in caricamento