Cronaca Calatafimi

Era ai domiciliari, ma nel frigo aveva mezzo chilo di cocaina: arrestato

In manette è finito Alessandro Longo, 32 anni, originario di Firenze. Stava scontando un residuo di pena per estorsione di stampo mafioso e minacce. E nonostante i precedenti per droga, aveva un grosso quantitativo di stupefacente nascosto in un'intercapedine

La droga, i contanti e il materiale trovato in casa dell'arrestato

Custodiva in casa oltre mezzo chilo di cocaina nonostante fosse agli arresti domiciliari. La polizia ha arrestato il 32enne Alessandro Longo (nella foto in basso), originario di Firenze, perché ritenuto responsabile del reato di detenzione di stupefacenti finalizzata al traffico. Gli agenti della sezione Antidroga sono entrati in azione dopo avere osservato lo strano via-vai nella sua abitazione, in zona Calatafimi. Dopo gli accertamenti per lui si sono aperte le porte del carcere del carcere Pagliarelli, in attesa di nuove disposizioni da parte dell’autorità giudiziaria.

Gli investigatori lo stavano tenendo d’occhio per registrare i movimenti dell’uomo, sottoposto alla misura cautelare per un residuo di pena da scontare per estorsione di stampo mafioso e minacce. Nel suo “curriculum criminale”, ricordano dalla Questura, ci sono precedenti penali specilli per lo spaccio di stupefacenti. Reato per il quale è stato già indagato nel 2007, nel 2013 e nel 2014. L’insolito movimento ha convinto gli agenti a fermarlo non appena è stato visto uscire da casa. Dopo una prima perquisizione gli sono stati trovati addosso poco più di mille euro.

A quel punto ai poliziotti non era rimasta alternativa che passare al setaccio la sua abitazione alla ricerca di stupefacenti. E il presentimento si è rivelato fondato. “All’interno della cucina - aggiungono dalla Questura - e nascosta in un’intercapedine ricavata nella parte bassa del frigorifero, è stata trovata una scatola contenente 600 grammi di cocaina, sostanza da taglio, bilancini di precisione e tutto il necessario per il confezionamento”. Proseguono le indagini per individuare i fornitori di Longo e i destinatari dello stupefacente.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Era ai domiciliari, ma nel frigo aveva mezzo chilo di cocaina: arrestato

PalermoToday è in caricamento