menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto archivio)

(foto archivio)

Era ai domiciliari ma spacciava hashish e marijuana, arrestato a Brancaccio

Nei guai un pregiudicato di 35 anni, Giuseppe Simonetti. Ad insospettire i poliziotti il viavai di persone nei pressi della sua abitazione. A casa aveva più di 10 grammi di stupefacente già confezionato in "dosi"

Spacciava comodamente dalla sua abitazione nonostante fosse agli arresti domiciliari. La polizia ha arrestato a Brancaccio il 35enne Giuseppe Simonetti, accusato di produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. Le manette sono scattate dopo che gli agenti dell’Upgsp hanno notato un viavai sospetto nei pressi di casa sua. Dopo aver accertato che lì risiedesse un pregiudicato gli agenti hanno bussato alla sua porta per un controllo.

"L'uomo si è subito mostrato piuttosto riluttante e infastidito dalla presenza dei poliziotti - spiegano dalla Questura - tanto da indurre gli agenti ad effettuare un sopralluogo più accurato all’interno dell’appartamento”. In un mobile del salone, infatti, sono stati trovati cinque involucri di colore bianco con all’interno 46 stecche di hashish per un peso complessivo di circa 10 grammi. In una teiera in ceramica, invece, c’era una busta contenente marijuana, alcune bustine in plastica e un bilancino di precisione.

Il 35enne, messo di fronte all’evidenza, non ha potuto fare altro che ammettere le proprie responsabilità. Alla luce dei fatti l’uomo è stato condotto presso gli uffici della Questura e tratto in arresto, mentre la droga e tutto l’occorrente per il suo confezionamento è stata posta sotto sequestro. L’arresto, in sede di processo per direttissima, è stato convalidato dall’autorità giudiziaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento