Dalla tanica al serbatoio, scoperto distributore abusivo in via Trasselli

Un uomo è stato visto mentre trattava dall'auto con un altro individuo. Quest'ultimo ha recuperato un bidone ed effettuato il rabbocco, con il carburante ad 1,50 euro al litro. Il suo "giacimento" si trovava nel giardinetto di una villetta, illuminato grazie al furto di energia

Via Trasselli, dove avveniva la compravendita di benzina abusiva (foto Google)

Un uomo si ferma con l'auto, tratta l'acquisto e si fa riempire il serbatoio di carburante. Peccato che non si fosse fermato in un distributore, bensì in doppia fila in una piccola via nei pressi di corso Calatafimi. La polizia ha scovato una "stazione di servizio" abusiva in via Trasselli e tratto in arresto un uomo di 52 anni. A.G., che nel giardinetto della sua villetta conservava circa 70 litri di benzina, illuminando lo spazio, tra l'altro, con un allaccio abusivo alla rete elettrica pubblica

Le forze dell'ordine stavano effettuando un controllo del territorio per scongiurare altri episodio di scippo, molto frequenti nell'ultimo periodo. "Falchi", volanti della squadra antirapina e macchina sotto copertura per passare al setaccio da piazza Don Luigi Sturzo fino a tutto il centro storico. Così una pattuglia in incognito del commissariato "Porta Nuova" si è imbattuta in un caso a dir poco curioso. Intorno alle ore 19 un uomo si parcheggia in doppia fila in via Trasselli, consegna dei soldi ad un altro uomo e quest'ultimo prende una tanica per fare un bel rabbocco di carburante nella vettura. I poliziotti hanno atteso tutte le fasi della compravendita, decidendo poi di intervenire.

Il "commerciante" abusivo è stato perquisito, così come la villetta dalla quale era stato visto uscire. Lo scenario che si è aperto davanti agli occhi dei poliziotti è stato sorprendente: il 52enne aveva allestito una sorta di distributore di benzina. In un angolo del giardinetto, nascoste dietro le siepi, c'erano numerose taniche di carburante, molte delle quali ancora piene. "Una pratica ricorrente nel quartiere - spiega la polizia - dove la residenza di via Trasselli era ritenuta un luogo sicuro dove approvvigionarsi di carburante a buon mercato. Con soli 1,50 euro al litro, gli automobilisti potevano ottenere benzina super di comprovata efficacia a qualsiasi ora del giorno e della notte".

Come se non bastasse, quello spazio verde era illuminato grazie ad un allaccio abusivo. L'uomo, per questo, è stato arrestato per i reati di ricettazione, omessa denuncia di materiale infiammabile e furto aggravato di energia elettrica. L'automobilista, invece, è stato denunciato per il reato di incauto acquisto. La benzina è stata sequestrata ed affidata in custodia giudiziale, mentre il denaro, provento dell’illecita vendita, è stato sottoposto a sequestro penale. La scoperta della polizia è arrivata a seguito di controlli effettuati per prevenire reati predatori, tra strade principali e anguste viuzze del centro storico.

Al termine dell'operazione sono state controllate 39 persone, di cui quattro denunciate per guida senza patente, una per uso di atto falso, una per ricettazione, una per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti ed una per possesso di arma da taglio. Controllati trenta veicoli, con sei motoveicoli sequestrati per mancanza di copertura assicurativa, due fermi amministrativi di motocicli ed un sequestro penale di motociclo per ricettazione. Elevate multe per un totale di quattromila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo in arrivo, attesi venti di burrasca e forti temporali: scatta l'allerta meteo arancione

  • "Tutte cose levate hai, pezza di tro...": le intercettazioni nella casa di cura delle violenze

  • Incidente mortale in viale Croce Rossa, automobilista travolge e uccide una donna

  • Doppio pestaggio nella notte, in due picchiano le vittime mentre un terzo filma col cellulare

  • Conti in banca, auto di lusso e un ristorante: sequestrati beni a un 37enne di Partinico

  • Distributore aumatico rotto e sangue ovunque, furto "splatter" all'università

Torna su
PalermoToday è in caricamento