Sotto i sedili 25 chili di hashish e coca, giovane corriere arrestato sulla Palermo-Catania

La Polstrada ha fermato un 26enne calabrese vicino allo svincolo di Buonfornello. Poi è stata la Squadra Mobile a perquisire l'auto in caserma e a trovare i panetti di sostanza stupefacente. Per lui si sono aperte le porte del carcere

La droga sequestrata al corriere calabrese

Corriere calabrese fermato in autostrada con 25 chili di hashish e cocaina. La polizia ha arrestato il 26enne A.M. vicino allo svincolo di Buonfornello, lungo la Palermo-Catania A19. A tradirlo il nervosismo notato dagli agenti della Polstrada che lo hanno bloccato mentre viaggiava sulla sua macchina. Poi sono stati i colleghi dell'Antidroga della Squadra Mobile a trovare i 24 panetti nascosti in un doppiofondo ricavato nei sedili anteriori della Fiat Idea del giovane.

Il controllo è scattato durante le feste natalizie su disposizione del Questore, Renato Cortese, con l’obiettivo di monitorare le autostrade. “Durante l’accertamento - si legge in una nota della polizia - il conducente dell’autovettura ha manifestato ansia e insofferenza, tanto da insospettire gli agenti e indurli ad approfondire il controllo, estendendolo anche al veicolo”. La macchina è stata quindi portata alla caserma Lungaro di corso Pisani per un’accurata ispezione.

I poliziotti hanno smontato la Fiat Idea pezzo per pezzo, trovando due vani nascosti in un doppiofondo ricavato nei sedili anteriori che si sarebbero aperti grazie a un telecomando. Dispositivo che però non è stato rinvenuto. Dentro c'erano 24 panetti da un chilo di hashish e una busta contenente un altro chilo di cocaina. Lo stupefacente in questione, sul mercato, avrebbe potuto fruttare sino a 250 mila euro. Il calabrese, dopo gli ulteriori accertamenti, è stato rinchiuso nel carcere Pagliarelli in attesa di processo. Indagini in corso per risalire ai fornitori di quell'ingente quantità di droga sequestrata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Centro Convenienza chiude e non consegna i mobili già pagati: "Clienti truffati"

  • Falliscono colpo in casa e si "imbucano" a veglia funebre per evitare i carabinieri, 2 arresti

  • "Violenza sessuale su una paziente": polizia arresta un medico

Torna su
PalermoToday è in caricamento