menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapine a medici e pazienti, sgominata baby gang al Civico

Per mesi 3 minorenni hanno seminato il panico tra i viali dell'ospedale. Sono stati catturati dopo aver tentato un'aggressione ad un medico. La vittima ha riconosciuto i "colpevoli", già pregiudicati, dalle foto segnaletiche

Per alcuni mesi attraversare i viali dell’Ospedale Civico era diventato un vero e proprio pericolo. Alcuni ragazzini armati di coltello nascosti tra gli arbusti e le panchine rapinavano medici, infermieri e pazienti che avevano la sfortuna di trovarsi da soli lungo quei viali. Tre di loro sono stati arrestati dalla polizia.

Dopo le numerose denunce presentate, infatti, la Questura ha predisposto specifici servizi di controllo. Grazie a questo dispositivo di prevenzione il 31 agosto è stato facile per una volante già presente all’interno dell’ospedale bloccare tre minori che si erano resi responsabili di tentata rapina ai danni di un medico.

Il medico ha raccontato agli agenti che mentre attraversava il parcheggio era stato aggredito da tre ragazzini con un coltello, che avevano desistito dal portare a termine l’aggressione solo per il fortuito passaggio di un’auto. Così il medico è riuscito ad allontanarsi ed è andato a denunciare l’accaduto alla polizia. 

Gli agenti allora si sono messi sulle loro tracce. I tre appena si sono accorti della presenza dei poliziotti hanno lasciato cadere per terra un coltello a serramanico che però è stato subito recuperato dagli agenti. I tre minori sono stati condotti in Questura. Due di loro, nonostante la giovanissima età, erano già gravati da precedenti penali specifici e che fino a poco tempo prima erano sottoposti alla misura cautelare degli arresti domiciliari.

La vittima ha riconosciuto attraverso le fotografie due dei suoi tre aggressori. Così il Tribunale per i minorenni ha emesso un’ordinanza con la quale applica la misura della custodia cautelare in carcere nei confronti di C.S., 15 anni, e la misura di collocamento in comunità nei confronti  di B.F., di 14 anni. Sono ancora in corso indagini per scoprire i responsabile delle altre rapine commesse.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento