Chiuse le indagini sul "sistema Montante", chiesto rinvio a giudizio per 24 indagati

L'ex presidente degli industriali siciliani è finito in manette nel mese di maggio con l'accusa di avere creato una rete di contatti tra politici e rappresentanti delle forze dell'ordine per avere informazioni sulle indagini a suo carico

Antonello Montante

La procura di Caltanissetta ha chiesto il rinvio a giudizio di 24 persone coinvolte nell'inchiesta che a maggio ha portato all'arresto di Antonello Montante, l'ex presidente degli industriali siciliani, accusato di associazione a delinquere in concorso. Richiesta di rinvio a giudizio - secondo quanto riporta La Repubblica - non solo per l'imprenditore, ma anche per l’ex presidente del Senato Renato Schifani e l’ex capo dei servizi segreti Arturo Esposito. 

L'inchiesta è coordinata dai sostituti Stefano Luciani, Maurizio Bonaccorso e dall'aggiunto Gabriele Paci. Le indagini sono partite nel 2016 quando durante una perquisizione a Serradifalco (Caltanissetta) nella villa di Montante, allora indagato per concorso esterno in associazione mafiosa, gli agenti hanno rinvenuto in una stanza nascosta da una libreria, un archivio con veri e propri dossier e, frugando nel suo pc hanno recuperato tra i file cancellati quello che elencava contatti, incontri, e compensi per gli "informatori". 

Due gli assi portanti dell'inchiesta: da un lato Montante avrebbe creato una rete di contatti tra politici ed esponenti di forze dell'ordine per avere informazioni sulle indagini a suo carico. Dall'altro, avrebbe elargito favori e denaro per poi chiedere una contropartita. L'imprenditore  avrebbe fatto sistematicamente ricorso alla raccomandazione come sistema per "fidelizzare" i suoi interlocutori e creare una vasta rete di rapporti "improntanti a logiche clientelari".“

"Apprendo ancora una volta tramite organi di stampa del deposito della richiesta di rinvio a giudizio da parte dei pm di Caltanissetta. Entro i termini di rito chiederò la definizione con richiesta di giudizio immediato in modo fa potere dimostrare in tempi brevissimi la mia assoluta estraneita' per eventuali fatti a me del tutto sconosciuti", la replica del senatore di Forza Italia Renato Schifani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento