Getta volantini per terra, portiere lo rimprovera e viene pestato a sangue

E' accaduto in via Isidoro La Lumia, nella zona del Politeama. I carabinieri hanno arrestato un 25enne che ha colpito con calci e pugni il portiere di un palazzo lasciandolo tramortito in una pozza di sangue

Via Isidoro La Lumia (foto Google street view)

Rimprovera un giovane per aver gettato dei volantini per terra e viene picchiato a sangue. I carabinieri hanno arrestato un ragazzo di 25 anni, A.G. con l’accusa di lesioni aggravate: sarebbe lui l’autore del pestaggio del portiere di un palazzo di via Isidoro La Lumia, a due passi dal Politeama, avvenuto domenica scorsa intorno alle 17.30.

I carabinieri del Nucleo radiomobile sono intervenuti dopo le telefonate di alcuni passanti che avevano assistito alla scena dopo la quale il portiere, un uomo di 41 anni, si è ritrovato per terra, tramortito e in una pozza di sangue per le ferite riportate alla testa. Un’aggressione che gli è costata un ricovero all’ospedale Civico, dove si trova tuttora sott'osservazione.

Secondo quanto ricostruito dai militari il giovane, volto noto alle forze dell’ordine, “non ha accettato di buon grado il richiamo del portiere e per tutta risposta lo ha colpito con calci e pugni”. Il giovane è stato arrestato e, dopo l’udienza di convalida, è stato sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari in attesa del processo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, divieto di spostamenti tra regioni valido anche per quelle in area gialla

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Annientata la Cupola di Cosa nostra: arrivano 46 condanne, inflitti oltre 4 secoli di carcere

  • Ficarra e Picone dicono addio a Striscia la Notizia: "Non è facile ma preferiamo fermarci"

  • Ragazzo disabile violentato nei bagni del centro commerciale, condannati due uomini

  • "La gente scappava via per la paura", rapinato il negozio Happy Casa del Centro Olimpo

Torna su
PalermoToday è in caricamento