Lunedì, 26 Luglio 2021
Cronaca Mezzomonreale-Villa Tasca / Via Santicelli

Città del Mobile in bancarotta, arrestati marito e moglie: "Hanno provato a disperdere i beni"

Ai domiciliari Andrea Pizzimenti e Giuseppa La Mantia, rispettivamente amministratore e legale rappresentante della società il cui negozio si trova a Mezzomonreale. Avrebbero sostituito alcuni beni inseriti dal curatore fallimentare nell'inventario con altri di minor valore

I carabinieri davanti alla Città del Mobile

Avrebbero sostituito alcuni beni, già censiti nell’inventario dal curatore fallimentare, con altri uguali ma di minor valore. I carabinieri hanno eseguito ieri un’ordinanza emessa dal gip di Palermo, Marcella Ferrara, per l’applicazione della misura cautelare arresti domiciliari nei confronti di Andrea Pizzimenti (53 anni) e della moglie Giuseppa La Mantia (50), rispettivamente amministratore e legale rappresentante della società Città del Mobile srl, società dichiarata fallita nel febbraio 2017.

"Marito e moglie, in un contesto caratterizzato dalla commissione di più fatti di bancarotta fraudolenta, avrebbero disperso beni della citata società dichiarata fallita", ricostruiscono dal Comando provinciale dopo le indagini degli agenti della sezione di polizia giudiziaria del dipartimento Criminalità economica della Procura. Al termine degli accertamenti necessari per raccogliere elementi ritenuti utili per l'incolpazione provvisoria i due coniugi sono stati sottoposti agli arresti domiciliari.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Città del Mobile in bancarotta, arrestati marito e moglie: "Hanno provato a disperdere i beni"

PalermoToday è in caricamento