Cronaca Libertà / Via Giuseppe Pipitone Federico

Cercano di rubare un'auto ma la polizia sventa il furto: arrestati

In manette due palermitani di 31 e 21 anni. Sono stati notati da alcuni poliziotti mentre armeggiavano all’interno di una Fiat Panda in via Federico Pipitone. Sorpresi dall’arrivo delle volanti hanno provato a scappare ma sono stati raggiunti, bloccati e identificati

La scorsa notte hanno tentato di rubare un'auto in via Federico Pipitone, all’altezza dell’incrocio con via Petrarca, ma sono finiti in arresto. Si tratta di due palermitani, A.M.G. e D.G.A. le loro iniziali, rispettivamente di 31 e 21 anni, notati da alcuni poliziotti durante il regolare servizio di controllo del territorio. Gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico e del commissariato Libertà, intorno alle 1.30, hanno visto un giovane accanto allo sportello di una Fiat Panda, con motore acceso, e un altra persona seduta all’interno dell’abitacolo, sul sedile del conducente, intenta ad armeggiare sotto allo sterzo. 

Sorpresi dall’arrivo delle volanti i due ladri hanno provato a scappare prendendo due direzioni diverse, ma, con l’ausilio di un’altra pattuglia, sono stati raggiunti, bloccati e identificati. Tornati sul luogo del tentato furto, i poliziotti hanno constatato che l'auto era rimasta accesa e con lo sportello anteriore aperto. All’interno dell’abitacolo inoltre il blocchetto d’accensione e il blocca sterzo erano danneggiati. Nel comparto dei “porta-fusibili” dell'auto, gli agenti hanno notato la presenza di un congegno elettronico agganciato al computer di bordo. Il dispositivo, presumibilmente utilizzato dai malviventi, per decodificare il meccanismo di accensione dell’auto e facilitarne, quindi, il furto è stato sequestrato.

Nelle immediate vicinanze della Fiat Panda gli agenti, inoltre, hanno notato una Smart, con le chiavi inserite e i finestrini abbassati, verosimilmente riconducibile ad uno dei due fermati. Anche l'auto è stata sequestrata. I due, arrestati nella flagranza del reato di tentato furto aggravato in concorso, in attesa di giudizio, hanno avuto i domiciliari.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cercano di rubare un'auto ma la polizia sventa il furto: arrestati

PalermoToday è in caricamento