Pusher e vedette per gestire la piazza del Capo, 11 arresti per spaccio di droga

Blitz all'alba con l'operazione "Cuncuma". Secondo i carabinieri a guidare l'organizzazione c'era Benito Miccichè. Individuati garage e magazzini utilizzati per nascondere lo stupefacente. Dieci vanno in carcere, uno ai domiciliari

Un frame delle intercettazioni ambientali fatte dai carabinieri al Capo

Le vedette tenevano sotto controllo le strade per segnalare l’arrivo delle forze dell’ordine, i pusher invece attendevano i clienti ai quali bastava un cenno per farsi portare la loro dose. Blitz nel quartiere del Capo dove i carabinieri hanno arrestato all'alba 11 persone in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare (10 in carcere e 1 ai domiciliari) emessa dal gip del tribunale di Palermo. Sono accusate a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A coordinare le indagini dei militari della stazione Palermo Centro, portate avanti tra giugno e novembre 2018, i magistrati della Direzione distrettuale antimafia, coordinati dal procuratore aggiunto Salvatore De Lucia. Con l’operazione “Cuncuma” gli investigatori hanno ricostruito i ruoli di un’organizzazione che sarebbe stata guidata da Benito Miccichè “che sovrintendeva - spiegano dal Comando provinciale - alle complesse attività di gestione della piazza e riceveva i proventi dello spaccio”.

"Giro d'affari da mille euro al giorno" | video

Il gruppo poteva contare su una schiera di vedette e pusher che lavoravano con turni serrati per non lasciare vuoti e perdere clienti. Durante le indagini i militari hanno individuato diversi magazzini e garage vicini alle piazze di spaccio, riconducibili ai membri dell’organizzazione, dove nascondere lo stupefacente. “Con questa operazione - concludono dal Comando - viene decapitata una consorteria criminale che gestiva lo spaccio senza curarsi di essere a ridosso di diversi istituti scolastici del quartiere Capo”.

"Sono grato ai carabinieri e agli organi inquirenti - dichiara il sindaco Leoluca Orlando - per l'operazione che stanotte ha portato all'arresto di un gruppo di spacciatori che operavano nel centro storico. E' certamente un duro colpo alla criminalità organizzata, alla sua economia e alla capacità di controllo del territorio. Perché queste attività repressive siano efficaci occorre che vi siano sempre più denunce e collaborazione da parte dei cittadini, sempre più il rifiuto di 'voltarsi dall'altra parte'. Occorre sempre più segnare uno spartiacque fra chi è dalla parte della sicurezza e del bene della città e chi è invece -conclude - dalla parte della cultura della violenza e del rifiuto della vita".

I nomi degli arrestati

Destinatari della misura cautelare in carcere

Benito Miccichè, 34 anni
Vincenzo Miccichè, 28 anni;
Emanuele Miccichè, 22 anni;
Mauro Miccichè, 21 anni;
Daniele Garofalo, 21 anni;
Francesco Paolo Cusimano, 41 anni;
Mario Presti. 29 anni;
Alessio spina, 25 anni;
Paolo Cristian Silvestri, 21 anni;
Davide Mirabile, 37 anni (attualmente detenuto al Pagliarelli)

Ai domiciliari

Eduardo La Mantia, 35 anni

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: in Sicilia negozi chiusi la domenica e nei festivi

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Dal nuovo Riina al nipote di Michele Greco, boss ballano la techno: spot shock di Klaus Davi

  • Incidente al drive in della Fiera, malore dopo il tampone: marito e moglie con auto contro il muro

Torna su
PalermoToday è in caricamento