menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il punto vendita di viale Regione Siciliana

Il punto vendita di viale Regione Siciliana

Ruba videogiochi da Mediaworld, poi prova a scappare spruzzando spray urticante contro un vigilante

Un addetto alla sicurezza del punto vendita di viale Regione Siciliana ha seguito e bloccato un sedicenne prima che uscisse. Quindi l'intervento della polizia che ha arrestato il giovane e portato al Malaspina

Da taccheggiatore si è trasformato in un rapinatore per aver spruzzato dello spray urticante in faccia a un vigilantes. Un ragazzino di 16 anni è stato arrestato lunedì sera per aver provato a rubare dei videogiochi per la Nintendo dal punto vendita MediaWorld di viale Regione Siciliana. Dopo un primo intervento di un addetto alla sicurezza sono arrivate le volanti del commissariato Zisa-Borgo Nuovo che hanno bloccato definitivamente il giovane.

Secondo una prima ricostruzione il sedicenne sarebbe entrato nel negozio intorno alle 19 e avrebbe iniziato a girare fra i corridoi del reparto dedicato a consolle e videogiochi. Poi avrebbe preso una decina di supporti, per il valore complessivo di oltre 500 euro, li avrebbe nascosti in uno zaientto e si sarebbe diretto verso l’uscita. Poco prima di attraversare la porta un vigilante, che aveva notato la scena, ha bloccato il ragazzo che ha cercato di divincolarsi per guadagnare la fuga.

Per riuscire nell’intento il giovane avrebbe tirato fuori dalla tasca uno spray urticante (in tasca aveva anche un secondo spray) per azionarlo contro l’addetto alla sicurezza. Gli agenti intervenuti su richiesta del personale di Mediaworld hanno immobilizzato il sedicenne poi portato al carcere Malaspina su disposizione del pm. L’arresto, per il reato di rapina impropria, è stato convalidato dal giudice che ha disposto la misura cautelare della detenzione nell’istituto penitenziario minorile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento