Cronaca Piazza Casa Professa

Ciclista picchiato e derubato a Ballarò: fermate due persone

Il colpo è avvenuto a due passi da via Maqueda. La vittima, un 34enne ivoriano, è stata colpita con calci e pugni affinché non opponesse resistenza e consegnasse un cellulare e 250 euro. Uno degli aggressori è finito in carcere, l'altro è stato denunciato

La polizia in piazza Casa Professa

Picchiato e derubato di cellulare e contanti a Ballarò. A distanza di circa dieci giorni la polizia ha individuato e fermato i due presunti autori di una violenta rapina avvenuta a pochi passi da via Maqueda. Ancora sotto shock per l’accaduto la vittima, un ciclista ivoriano di 34 anni, ha chiamato il 113 e raccontato agli agenti l’accaduto: era stato appena aggredito da due uomini che lo hanno colpito al costato con calci e pugni per stroncare sul nascere ogni tentativo di opporre resistenza.

L’aggressione ha costretto l’ivoriano a sottoporsi a un controllo in ospedale al termine del quale i medici hanno stabilito per lui una prognosi di 5 giorni. "Dopo laboriose indagini i poliziotti dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico - si legge in una nota della Questura - sono risaliti ad un cittadino ghanese di 33 anni, Abdul Rauf Mohamed, senza fissa dimora, con precedenti di polizia e abituale frequentatore del quartiere di Ballarò".

Mentre il ghanese è stato rinchiuso al carcere Pagliarelli per evitare il pericolo di fuga, il presunto complice - un 31enne palermitano di cui non sono state fornite le generalità - è stato denunciato in un secondo momento. La vittima, infatti, qualche giorno dopo il colpo, lo ha riconosciuto mentre passeggiava in piazza Casa Professa. Quindi ha chiamato il 113 e gli agenti intervenuti sul posto lo hanno identificato e denunciato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ciclista picchiato e derubato a Ballarò: fermate due persone

PalermoToday è in caricamento