Rapina da 86 mila euro in una banca a Cesena, presa banda di palermitani

In quattro prima avrebbero preso in ostaggio clienti e dipendenti, aspettando l'apertura delle casse temporizzate, poi avrebbero rubato la pistola a una guardia giurata. Quindi la fuga con il malloppo. Stamattina sono stati arrestati a Palermo, Piana e Trabia

Uno dei rapinatori mentre tiene bloccata la guardia giurata

Quattro palermitani dietro un colpo in banca da 86 mila euro. I carabinieri hanno arrestato questa mattina a Palermo, Piana degli Albanesi e Trabia i componenti di una banda ritenuta responsabile di una rapina messa a segno nella filiale della Romagna Banca di via Cervese, a Cesena. Gaetano Barone (48 anni), Fabio Catalano (32), Marco Cusimano (37) e Giovanni Mineo (55 anni), accusati in concorso di rapina aggravata, detenzione e porto illegale di arma comune da sparo, sono stati portati in carcere in esecuzione di un’ordinanza di applicazione di custodia cautelare emessa il 3 luglio dal gip del tribunale di Forlì su richiesta del pubblico ministero Filippo Santangelo.

La rapina risale allo scorso 3 marzo, pochi giorni prima del lockdown dovuto all’emergenza sanitaria del Coronavirus. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori guidati dal maggiore Fabio Di Benedetto, comandante della compagnia di Cesena, i quattro sarebbero entrati in banca con il volto nascosto da un berretto. Dopo essersi fatti "consegnare i telefoni cellulari dai dipendenti e da alcuni clienti - si legge in una nota - li hanno costretti a permanere per circa un’ora all’interno di una stanza, in attesa dell’apertura temporizzata delle casseforti, dalle quali veniva asportato denaro contante pari a 86 mila euro circa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Durante le concitate fasi della rapina e prima di dileguarsi i malfattori oggi finiti in manette avrebbero aggredito fisicamente una guardia giurata che era entrata in banca, ignara di quanto stesse accadendo, per effettuare un’operazione allo sportello. E come se non bastasse gli avevano anche sottratto la pistola Beretta 9x21. "Le immediate investigazioni dei carabinieri di Cesena, suffragate dalle testimonianze, dall’esame delle immagini estrapolate dagli impianti di videosorveglianza lungo il percorso di fuga dei malviventi, hanno consentito - concludono dal Comando di Cesena - di risalire all’autov utilizzata per la rapina e successivamente, alla completa identificazione di tutti i componenti del sodalizio criminale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Coronavirus, in Sicilia morti altri tre anziani: 75 i nuovi contagi, più della metà a Palermo

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento