Terrasini, omicidio dopo la rissa fuori dalla discoteca: fermati due giovani

Alberto Mulè è accusato di aver accoltellato e ucciso Paolo La Rosa. Denunciato per favoreggiamento un cugino per aver cercato di aiutare il presunto assassino a nascondersi. I due sono stati rintracciati in un casolare a Camporeale

Le forze dell'ordine in tenuta antisommossa davanti alla caserma dei carabinieri di Cinisi

Gli avrebbe sferrato almeno sette coltellate facendolo morire dissanguato per strada. I carabinieri hanno fermato il cugino del fidanzato di una delle sorelle della vittima, il 21enne Paolo La Rosa, deceduto vicino alla discoteca Millennium di Terrasini prima ancora di potere arrivare in ospedale. Si tratta di Alberto Mulè (nella foto), ricercato già da questa mattina anche tramite un elicottero e rintracciato a Camporeale, comune di cui è originario.

Folla tenta di linciare presunto assassino | Video

Davanti alla caserma di Cinisi nel tardo pomeriggio di oggi si è formato un capannello di circa un centinaio di persone. Un improvvisato sit in che ha reso necessario l’intervento dei militari in tenuta antisommossa mentre veniva ascoltato il giovane fermato.

Forze dell'ordine in antisommossa davanti alla caserma

ALBERTO PIETRO MULE'-2Dopo una notte di interrogatori e l’analisi delle immagini riprese dalle decine di telecamere piazzate nella zona, gli investigatori hanno iniziato a stringere il cerchio riducendo a pochi nomi la lista dei potenziali assassini e complici. A fornire alcuni spunti investigativi per ricostruire quanto accaduto fuori e dentro la discoteca Millennium di Terrasini, oltre ai testimoni, sono "saltati fuori" alcuni messaggi audio rimbalzati da uno smartphone all’altro, da Cinisi a Terrasini. Sembrerebbe che la vittima avesse avuto un diverbio con il fidanzato della sorella nel tentativo di riportare la calma dopo un battibecco avvenuto fra il “cognato” e una terza persona, forse un buttafuori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I retroscena: "In un video la coltellata fatale"

Poi sarebbe scoppiata la rissa, intorno alle 3.30, a una cinquantina di metri dalla discoteca in cui il gruppo di giovani aveva trascorso la serata. Mentre Paolo La Rosa si trovava per strada Alberto Mulè lo avrebbe ferito più volte con un coltello, all’addome e al torace, assestando il colpo mortale al collo, recidendo la giugulare. La scena sarebbe stata ripresa da uno degli impianti di videosorveglianza di un’attività commerciale vicina. A confermarlo sarebbero stati anche altri giovani presenti ieri sera in discoteca che conoscevano la vittima, Alberto Mulè e altri ragazzi della stessa comitiva. La Procura ha inoltre denunciato un altro giovane per favoreggiamento per aver cercato di aiutare il cugino Alberto a nascondersi.

Le immagini dal luogo dell'omicidio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento