Furto di scooter in zona Oreto, arrestati quattro giovani di Belmonte Mezzagno

In manette un 22enne e due diciannovenni per furto aggravato in concorso. Denunciato per lo stesso reato un diciassettenne. Fondamentale la telefonata di un residente che ha fornito alla polizia una descrizione dei quattro ladri fermati in via Buonriposo

(foto archivio)

Un furto di scooter sventato grazie alla tempestiva segnalazione di un residente e all’intervento delle volanti. La polizia ha arrestato nella notte tra mercoledì e giovedì tre ragazzi di Belmonte Mezzagno con l’accusa di furto aggravato in concorso. Denunciato per lo stesso reato un diciassettenne. Gli agenti sono riusciti a bloccarli non lontano da un residence di via Buonriposo in cui i quattro erano entrati poco prima con l'obiettivo di portare via due Honda Sh.

A finire in manette sono stati un 22enne e due diciannovenni. Intorno alle 2 di notte un residente ha iniziato a sentire alcuni rumori sospetti e dopo essersi affacciato alla finestra si è reso conto che qualcuno stava rubando due scooter. Senza pensarci due volte ha preso il telefono e ha chiesto l’intervento della polizia, descrivendo i ladri e gli abiti da loro indossati. Pochi minuti e nella zona di via Oreto sono arrivate diverse pattuglie dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico.

Tra sirene e lampeggianti blu i quattro ragazzi hanno abbandonato gli scooter in un vicolo, scappando a piedi nel tentativo di fare perdere le proprie tracce. La loro fuga però è durata appena qualche minuto. Braccati dalle volanti i giovani ladri hanno infatti deciso di arrendersi e sono stati portati in Questura per accertamenti. Al termine del giudizio per direttissima il giudice del tribunale di Palermo ha convalidato l’arresto e disposto, in attesa del processo, la misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di Belmonte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

Torna su
PalermoToday è in caricamento