Un magnete per ridurre i consumi di energia al mini market, un arresto a Brancaccio

Dopo gli accertamenti dei verificatori dell'Enel è finito in manette un ventinovenne. A destare sospetti gli scarsi consumi rilevati dalla società erogatrice del servizio per un'attività commerciale tanto grande

I poliziotti con il contatore e il magnete "incriminato"

Abbatte quasi del tutto i costi in bolletta per la "luce" del suo mini market grazie al trucco del magnete. La polizia ha arrestato il titolare di negozio di Brancaccio, il 29enne G.I., con l’accusa furto aggravato di energia elettrica. A destare sospetti proprio i bassi consumi registrati dall’Enel a fronte di una significativa attività commerciale (di cui non è stato fornito il nome, ndr). Gli agenti del commissariato, insieme ai tecnici verificatori della società erogatrice del servizio, hanno così deciso di effettuare un controllo nel mini market.

“E’ stato chiesto al titolare di aprire la nicchia dove si trovava il contatore. Così è stato possibile - spiegano dalla Questura - constatare la presenza di un magnete applicato nella parte superiore". Gli accertamenti hanno evidenziato una riduzione dei consumi pari al 95%. Il ventinovenne, accompagnato presso gli uffici del commissariato è stato quindi tratto in arresto per il reato di furto aggravato di energia elettrica. Il provvedimento è stato convalidato dall’autorità giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il catering allo stadio per l'Italia, poi lo schianto mortale: il bar Rosanero piange il suo chef

  • Incidente in zona Fiera, perde il controllo della moto e cade: morto 43enne

  • Via Ugo La Malfa, esplode pneumatico: morto gommista di 18 anni

  • Palmese-Palermo, rissa furibonda tra tifosi rosanero: ci sono feriti

  • Truffe, droga e rapine: i boss di Brancaccio facevano spaccare le ossa ai disperati, 9 arresti

  • Incidente a Corleone, auto sbanda e finisce contro un albero: morto diciannovenne

Torna su
PalermoToday è in caricamento