menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto archivio)

(foto archivio)

Poliziotto sorprende tre ladri d'auto, poi l'inseguimento e l'arrivo dei rinforzi: tre arresti

Un agente libero dal servizio ha sventato nella notte il furto di un'Alfa Romeo Mito parcheggiata in viale Michelangelo. In manette un 27enne e due uomini di 37 e 35 anni

Sventato il furto di un’Alfa Romeo in viale Michelangelo. La polizia ha arrestato C.P. (37enne residente a Borgo Molara), S.R. (35enne residente a Pallavicino) e G.L. (27enne di Villagrazia) per il reato di tentato furto aggravato in concorso. Fondamentale il passaggio di un agente del commissariato Zisa-Borgo Nuovo libero dal servizio che aveva visto tre uomini sospetti e chiesto rinforzo ai colleghi delle volanti. In attesa del giudizio per direttissima i tre sono stati rinchiusi in una cella del carcere Pagliarelli. 

“Poco prima della mezzanotte - spiegano dalla Questura - l’agente aveva notato le movenze sospette di tre giovani intenti ad armeggiare su cofano e sportello di un’Alfa Romeo Mito”. Per cercare conferme ha deciso quindi di fermarsi qualche metro più avanti per mantenere il contatto visivo con i sospettati. “Quando il furto stava per compiersi il poliziotto è stato notato dai malviventi che sono scappati con la loro vettura d’appoggio in direzione Borgo Nuovo”, aggiungono dalla Questura.

A quel punto il poliziotto libero dal servizio si è lanciato in un inseguimento che si è concluso poco dopo, quando i tre sono stati fermati dalle altre pattuglie che intanto avevano raccolto la nota diramata dalla centrale operativa. “La perquisizione personale - aggiungono dalla Questura - ha permesso di rinvenire e sequestrare una chiave a cricchetto modificata, una chiave a bicchiere modificata, un tubo in ferro modificato a bicchiere, una forbice con manico di colore rosso, una pinza, una tronchese, un cacciavite modificato a punteruolo, una centralina per autovettura nonché un coltello a serramanico e ciò che sembra essere refurtiva proveniente da un precedente furto e sulla cui origine sono in corso indagini”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento