Rubano auto e provano a speronare la polizia, arrestati dopo "folle" inseguimento

In manette un 23enne e un 35enne. Dopo aver portato via una Fiat Punto, l'antifurto satellitare ha indicato il loro passaggio in via Rosario Nicoletti. Quindi hanno tentato la fuga raggiungendo Bagheria e Ficarazzi prima di schiantarsi contro un cancello

Rubano un'auto e vengono arrestati dopo un "folle" inseguimento che si conclude con i due ladri che si schiantano contro un cancello. La polizia ha arrestato la scorsa notte con l'accusa di furto aggravato in concorso e resistenza a pubblico ufficiale il 23enne Alessio Cavallaro e il 35enne Luca Roberto Ficarra.

I fatti intorno alle 4.30, quando alla sala operativa è arrivata la segnalazione di una Fiat Punto rubata che - come indicato dall'antifurto satellitare - stava percorrendo via Rosario Nicoletti. Poco dopo l'auto ha raggiunto la carreggiata con direzione Catania di viale Regione Siciliana, dove le volanti hanno intercettato i malviventi dando inizio a una lunga "caccia" su strada.

I due ladri a bordo della Punto hanno così raggiunto Bagheria dove, alla vista di un'altra volante, hanno spinto sull'acceleratore provando anche a speronare i poliziotti. "L'autista della volante - spiegano dalla Questura - è riuscito prontamente a evitare l'impatto frontale mettendosi all'inseguimento dei malviventi che nel frattempo si era immessi sulla strada statale 113 in direzione Ficarazzi".

A quel punto i fuggitivi, rischiando di scontrarsi con altri automobilisti che viaggiavano in direzione opposta alla loro, hanno svoltato in una strada sterrata schiantandosi infine contro il pilastro in ferro di un cancello. Quindi hanno lasciato l'auto rubata e hanno cercato di fuggire anche a piedi, ma gli agenti con un paio di falcate li hanno raggiunti e immobilizzati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo l'identificazione i due banditi sono stati arrestati e condotti nelle loro abitazioni in regime di arresti domiciliari, come disposto dall'autorità giudiziaria in attesa del processo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La corsa in ospedale e la disperazione, bambino di 3 mesi muore al Di Cristina

  • Maltempo in arrivo: temporali e rischio grandine, scatta l'allerta meteo

  • Tragedia a Isola, accusa un malore mentre esce dall'acqua e muore in spiaggia

  • Suicidio in via Guido Cavalcanti, commerciante di 62 anni si toglie la vita

  • "Ho ucciso io quella donna cinque anni fa: le ho stretto una corda al collo per sei minuti"

  • Va in caserma e confessa un delitto, trovati i resti di una donna a Monte Pellegrino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento