menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La serra trovata in casa di Matteo Davide Battaglia

La serra trovata in casa di Matteo Davide Battaglia

Serra di marijuana in casa, arrestato il gestore di una taverna della Noce

Seguendo alcuni consumatori la polizia è arrivata al 30enne Matteo Davide Battaglia. Dalla sua attività, in via Lancia di Brolo, sono passati alla sua abitazione, dove c’erano 33 piante alte circa un metro

Di giorno gestiva una taverna popolare, mentre nel tempo libero si sarebbe occupato di coltivare marijuana. La polizia ha arrestato Matteo Davide Battaglia, 30 anni, e sequestrato 33 piante di cannabis da lui coltivate nella sua abitazione, nel quartiere Noce. Gli agenti della Squadra Mobile sono arrivati a lui dopo aver seguito alcuni consumatori di sostanze stupefacenti, che si intrattenevano spesso nella taverna di via Lancia di Brolo.

Alla luce di questa circostanza, i "Falchi" della sezione Contrasto al crimine diffuso hanno deciso concentrare la propria attenzione sul trentenne e sulla sua attività. Poco distante da lì, a casa sua, i poliziotti hanno notato una forte fonte luminosa di colore arancione che si intravedeva da alcune finestre. "Ritenendo che quella luce potesse essere un segnale indicativo della presenza di una serra artigianale per la coltivazione di piante di cannabis - spiegano dalla Questura - gli agenti hanno deciso di procedere ad una perquisizione domiciliare. Tale intuizione si è rivelata esatta".

All’interno dell’immobile, infatti, gli agenti hanno trovato una serra domestica dove erano state coltivate 33 piante di marijuana, interrate in altrettanti vasi e alte circa un metro. Grazie ad ulteriori verifiche, effettuate anche con l’ausilio del personale tecnico dell’Enel, è stata riscontrata la manomissione del contatore elettrico, che così avrebbe garantito un’alimentazione costante per la crescita delle piante. Battaglia è stato quindi arrestato in flagranza di reato, mentre l’intera area è stata posta sotto sequestro. Stessa fine per le 33 piante di marijuana, in attesa degli accertamenti di natura qualitativa e quantitativa sullo stupefacente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento