rotate-mobile
Cronaca

Spaccio di crack, eroina e cocaina a Marsala: 11 arresti, due sono palermitani

E' scattato all'alba il blitz dei carabinieri con l'operazione Virgilio. Gli indagati, guidati da una donna, farebbero parte di tre diversi gruppi che avrebbero gestito la piazza del quartiere Sappusi. Tra i clienti anche una giovane morta per overdose nel 2021 e un altro ragazzo che in un anno avrebbe comprato da loro dosi per 70 mila euro

Avrebbero gestito la piazza della droga del quartiere Sappusi, a Marsala, vendendo crack, eroina e cocaina. Alla guida una donna che avrebbe regolato le cessioni e diretto tre diversi gruppi criminali. Ci sono anche due palermitani tra le undici persone arrestate questa mattina dai carabinieri con l’operazione Virgilio e accusate di traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, estorsione, riciclaggio di denaro e lesioni personali. Da loro si sarebbe fornita anche una giovane morta per overdose nell'ottobre del 2021. Un fatto seguito poi dal suicidio del suo compagno che non avrebbe retto alla tragedia.

Finiscono quindi in carcere i palermitani Giuseppe Caruso (34) e Antonino La Mattina (22) ma anche i marsalesi Arianna Torre (42), Giovanni Parrinello (41), Pietro Lombardo (21), Alessia Angileri (21), Alessio Cristopher Pantaleo (34), Andrea Nizza (35), Massimo Licari (48), Gisella Angileri (37) e Vito Alessio Allegra (21).

Al blitz di questa mattina hanno preso parte un centinaio di militari appartenenti alla Compagnia di Marsala, allo Squadrone eliportato cacciatori di Sicilia, al Nucleo cinofili di Palermo Villagrazia e al 12° Reggimento Sicilia che hanno eseguito l’ordinanza emessa dal tribunale di Marsala. Per tutti e undici il gip ha disposto la misura cautelare del carcere, mentre ad altri tre indagati sono stato applicate misure meno restrittive. L'attività di indagine è stata avviata nel 2019 e sarebbe servita a fare luce su alcuni episodi di estorsione e aggressione ma anche su un sequestro di persona per recuperare un credito.

Secondo quanto ricostruito gli spacciatori si sarebbero approvvigionati tramite corrieri che utilizzavano i pullman di linea per importare la droga, spesso "tagliata grossolanamente" e spacciata all'interno delle abitazioni degli indagati. Case "protette - spiegano dal Comando provinciale di Trapani - da sistemi di videosorveglianza per verificare l'eventuale arrivo delle forze dell’ordine". Un vero e proprio market della droga operativo 24 ore su 24, garantito anche grazie alla collaborazione di alcuni prestanome che avrebbero messo a disposizione carte prepagate e conti correnti dove fare confluire i soldi dei clienti da girare poi in contanti agli indagati.

Il comandante della Compagnia di Marsala, Guido Romano Rosadoni

Tra i clienti ce n’erano alcuni considerati dei cattivi pagatori e per questo, per potere acquistare la droga, alcuni di loro sarebbero stati costretti a consegnare la carta del Reddito di cittadinanza a titolo di garanzia. Tra gli assuntori anche un giovane di buona famiglia che avrebbe acquistato in un anno più di 1.300 dosi pagando complessivamente circa 70 mila euro. Il ragazzo, non riuscendo a pagare l'ultima tranche, "sarebbe stato costretto tramite gravi minacce - spiegano ancora i militari dell’Arma - a cedere auto e moto. La necessità di denaro lo avrebbe poi spinto a minacciare l’anziana madre e una zia", per ottenere denaro. Un episodio per cui era stata già emessa nei confronti del giovane un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per estorsione e maltrattamenti.

"Sempre nel mondo degli stupefacenti del Marsalese - concludono dal Comando - sarebbe maturato anche l’omicidio di un pregiudicato, ucciso a colpi di piede di porco lo scorso 26 settembre 2022 da uno dei principali indagati dell’operazione di oggi, già tratto in arresto con l’accusa del grave fatto di sangue. Dalle indagini è emerso che lo stesso indagato avrebbe anche tentato di introdurre droga, nascosta nelle confezioni dei cioccolatini, nel carcere di Rossano Calabro dove all’epoca (2019-2020) si trovava recluso per altri reati".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spaccio di crack, eroina e cocaina a Marsala: 11 arresti, due sono palermitani

PalermoToday è in caricamento