Cronaca

Fiumi di coca tra Palermo e Trapani, Partinico lo snodo dei traffici: 30 arresti

L'operazione antidroga Mirò è scattata all'alba. Scoperto il giro grazie al quale lo stupefacente arrivava pure a San Cipirello, Camporeale, Gibellina e Castellamare. Registrati alcuni episodi in cui gli indagati hanno fatto ricorso alla violenza per recuperare i soldi delle dosi o delle forniture ancora da pagare

Partinico al centro dello smercio di cocaina tra Palermo e Trapani. Sono 30 le persone arrestate con l'operazione Mirò scattata all'alba in esecuzione dell'ordinanza cautelare firmata dal gip del tribunale di Palermo. Ricostruiti alcuni episodi durante i quali gli indagati hanno fatto ricorso alla violenza per recuperare dai clienti i soldi per le dosi e le forniture ancora da pagare.

Le intercettazioni: "Lo abbiamo rotto tutto" | Video

Inizialmente gli investigatori avevano concentrato le loro attenzioni sull'attività di spaccio a Partinico, ma pian piano si sono resi conto che il giro era andato ben oltre i confini del comune interessando anche le zone di Balestrate, Trappeto, Camporeale e San Cipirello ma anche - nel Trapanese - quelle di Alcamo, Castellammare del Golfo, Santa Ninfa, Gibellina e Mazara del Vallo.

I nomi degli arrestati

"L'intensità dei traffici, le modalità organizzative, la numerosa clientela acquisita e fidelizzata, l'estesa dimensione territoriale dell'attività, il rilevante volume d'affari, la pluralità dei canali di approvvigionamento e l'indifferenza nei confronti delle operazioni di polizia rappresentano le caratteristiche che hanno impregnato la malavita partinicese", si legge in una nota della questura.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiumi di coca tra Palermo e Trapani, Partinico lo snodo dei traffici: 30 arresti

PalermoToday è in caricamento