Bolognetta, piante e marijuana in casa: arrestati padre e figlia

In manette un uomo di 61 anni e una ragazza appena diciottenne per detenzione di sostanza stupefacente. Denunciati dai carabinieri per lo stesso reato anche il fratello e il fidanzato della ragazza

I carabinieri con la marijuana sequestrata a Bolognetta

Padre e figlia arrestati per detenzione di sostanza stupefacente, denunciati per lo stesso reato anche il fratello e il fidanzato della giovane. È questo l’esito del servizio antidroga eseguito dai carabinieri della compagnia di Misilmeri a Bolognetta.

"I militari - spiegano dal Comando provinciale - hanno notato uno strano viavai in una casa solitamente disabitata e insospettiti hanno deciso di procedere a un controllo". Durante la perquisizione nell’appartamento c’erano un uomo di 61 anni, la figlia diciottenne e altri due giovani.

I carabinieri hanno sequestrato tre piante di marijuana, sei barattoli contenenti 60 grammi della stessa sostanza e un bilancino digitale, procedendo con i due arresti. "La perquisizione - proseguono dal Comando - è stata estesa nelle abitazioni del fidanzato e del fratello della ragazza".

Anche nei loro appartamenti sono stati sequestrati pochi grammi di marijuana, costati loro una denuncia all’autorità giudiziaria. La sostanza rinvenuta è stata inviata al laboratorio analisi del Reparto operativo. L’arresto del 61enne e quello della figlia sono stati oggi convalidati dal gip.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento