Droga sull'asse Palermo-Napoli, scoperta base operativa alla Kalsa: dodici arresti

Nuova operazione dei carabinieri contro il traffico e lo spaccio di cocaina. L'ordinanza firmata dal gip ha raggiunto anche Ottavio Abbate, fratello di Gino u' mitra. Diversi i corrieri arrestati lungo la strada tra la Sicilia e la Campania

Le intercettazioni ambientali dei carabinieri

Operazione contro il traffico e lo spaccio di droga in arrivo dalla Campania, pronta per essere piazzata dalla Kalsa fino alle province di Agrigento e Caltanissetta. Sono dodici le persone arrestate dai carabinieri in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip del tribunale di Palermo su richiesta della Direzione distrettuale antimafia. Dieci vanno in carcere, due ai domiciliari. In manette Ottavio Abbate (53 anni), Antonino Augello (43), Carmelo Di Marzo (27), Vincenzo Di Pasquale (37), Claudio Leto (41), Andrea Licci (33), Armando Luisi (35), Salvatore Luisi (31), Emanuele Mazzola (37), Gaetano Musicò (40), Salvatore Provenzano (50) e Domenico Sollami (45).

Le indagini dei militari del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo sono servite ad accertare le frequentazioni fra i vertici del mandamento mafioso di Porta Nuova e il fratello di Luigi Abate (conosciuto come Gino u’ mitra), Ottavio. droga. “Il suo nucleo familiare - ricostruiscono dal Comando provinciale - è da decenni molto influente nelle dinamiche mafiose sviluppate nei quartieri palermitani della Kalsa e di Borgo Vecchio, tanto che alcuni suoi componenti hanno rivestito ruoli di vertice all’interno delle rispettive famiglie mafiose di Palermo Centro e di Borgo Vecchio”.

Lo spaccio alla luce del sole, le immagini | Video

Tra appostamenti e intercettazioni gli investigatori sono riusciti a individuare quella che considerano una vera e propria associazione dedita al traffico di sostanze stupefacenti con base proprio all’interno della Kalsa, all’interno della quale Abbate avrebbe ricevuto il supporto di Antonino Augello, Gaetano Musicò e Emanuele Mazzola (quest’ultimo legato per rapporti di parentela e di vicinanza a esponenti del mandamento mafioso di Santa Maria di Gesù). Loro tre si sarebbero occupati del trasporto della droga fuori dai luoghi di spaccio, della raccolta di denaro dopo le singole cessioni e del reperimento di strumenti necessari come schede telefoniche intestate a sconosciuti.

"Sequestrati stupefacenti per un valore di 2 milioni" | L'intervista

Gli sviluppi investigativi sono serviti inoltre a documentare “la consistente attività di spaccio condotta da Mazzola e dal cognato Andrea Licci - si legge in una nota - orientata anche nelle province di Agrigento e Caltanissetta, con l’identificazione dei numerosi clienti; il coinvolgimento di  Emanuele Mazzola in un’altra associazione per delinquere finalizzata alla medesima tipologia di reato, le cui figure apicali venivano individuati nei componenti della famiglia Luisi, i quali avevano consolidati legami con esponenti di rilievo dei mandamenti mafiosi palermitani di Santa Maria di Gesù e di Brancaccio, localizzando i loro fornitori della droga nelle zone del napoletano”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le intercettazioni e i servizi di pedinamento eseguiti durante l'operazione Blanco hanno permesso, a riscontro dell’attività investigativa, l’arresto di diversi corrieri, anche sull'asse Napoli-Palermo, e il sequestro di ingenti quantitativi di droga.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, coinvolto il cantante De Martino: morto un sessantenne

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: "Un esercito di medici per contrastare il Covid"

  • Apre a Palermo l'Antica pizzeria da Michele, dopo Napoli è l'unica del Sud Italia

  • Omicidio a Camporeale, colpi di pistola in piazza: morto un ragazzo di 26 anni

  • Maestra positiva al Covid e classe d'asilo in quarantena, i genitori: "Comunicazione arrivata tardi"

  • Gli insulti, la sparatoria in piazza e la chiamata al 112: "Questa è l'arma con cui l'ho ucciso"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento