rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cronaca Bonagia

Chiedono prestito con documenti falsi, due arresti tra i tavolini di un bar

Il titolare di una società finanziaria si è rivolto alla polizia che ha concordato un appuntamento a Bonagia fra lui e i truffatori. Gli agenti si sono seduti vicino a loro, hanno atteso le firme sul contratto e poi sono entrati in azione. Un'altra persona denunciata per truffa

Carte d’identità, tessere sanitarie e patenti false per chiedere un prestito a una società finanziaria. La polizia ha arrestato il 53enne D.F.R. e il 52enne G.E. per il reato di possesso e fabbricazione di documenti falsi. Per loro e per un altro 53enne, B.M., è scattata anche una denuncia per truffa. Sono stati bloccati dopo un incontro fra loro e il titolare della società, che aveva concordato con gli investigatori un appuntamento in un bar a Bonagia.

L’arresto è il frutto delle indagini degli agenti del commissariato Libertà che avevano raccolto la denuncia di un imprenditore relativa a un “possibile tentativo di truffa da parte di alcuni individui che - ricostruisce la Questura - si sono presentati nella filale della società con documenti verosimilmente falsi per chieder l’erogazione di un prestito”. Per portare a termine il piano avrebbe infatti utilizzato carte d’identità con le loro foto ma che riportavano i dati di persone realmente esistenti.

Raccolte le prime informazioni i poliziotti hanno preso accordi con il titolare della società finanziaria affinché incontrasse i potenziali truffatori in un bar. Loro, vestiti in borghese, si sarebbero seduti in un tavolino vicino ascoltando con con discrezione i loro dialoghi. “Hanno atteso - spiegano dalla Questura - che si incontrassero e che si concretizzare la truffa attraverso la stipula di un contratto di finanziamento da 46 mila euro”. Concluso l’affare uno dei truffatori si è allontanato per raggiungere i complici che lo attendevano a bordo di un’auto. Quindi il blitz.

“I tre sono stati fermati e perquisiti. G.E. - concludono dalla polizia - aveva una carta d’identità, una patente e una tessera sanitaria, tutti intestati ad altra persona ma riportanti la sua foto. Addosso a D.F.R. è stato invenuto un altro documento intestato ad altra persona ma con la foto di G.E., una carta di credito, la fotocopia di una carta d’identità e una tessera sanitaria intestati ad altra persona nonché due chiavette Usb contenenti i file di altri documenti falsi. B.M. aveva invece due telefoni cellulari che sono stati sequestrati”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiedono prestito con documenti falsi, due arresti tra i tavolini di un bar

PalermoToday è in caricamento